Aggiornato al: 09 Ottobre, 2016  2185

Squadra Antimafia 8, anticipazioni puntata 13 ottobre 2016: la verità su Giovanni Reitani

Le anteprime sulla fiction Squadra Antimafia 8-Il ritorno del Boss svelano che la Duomo scopre che la vera identità di Giovanni Reitani e...

Squadra Antimafia 8, anticipazioni puntata 13 ottobre 2016: la verità su Giovanni Reitani

Le anteprime sulla fiction Squadra Antimafia 8-Il ritorno del Boss svelano che la Duomo scopre che la vera identità di Giovanni Reitani e...

Ecco le anticipazioni Squadra Antimafia 8 sulla sesta puntata del 13 ottobre 2016 in cui la Duomo scopre un’icredibile verità sul boss Giovanni Reitani, che sta sconvolgendo Catania lasciando al suo passaggio una scia di morti e di sangue. E nel fratttempo, egli si appresta portare a termine l’affare dell’uranio impoverito. Di cosa si tratta?

Squadra Antimafia 8, anticipazioni puntata 13 ottobre 2016: Chi è in realtà Giovanni Reitani?

Come rivelano le anticipazioni Squadra antimafia relative alla trama della sesta puntata, Giovanni Reitani, non è realmente chi afferma di essere ma un altro boss, creduto morto da quaranta anni e tornato invece ora a Catania. Chi è dunque in realtà quest’uomo? La Duomo scopre che si tratta di Ulisse Mazzeo, che era stato creduto morto da decenni, dopo essere caduto nella rete di Adamo Corda. Per quanto non sia ben chiaro il motivo per cui egli abbia assunto l’identità di Reitani, la Duomo, vuole comunque catturarlo e mettere fine alla catena di omicidi che sta lasciando al suo passaggio.

Ulisse Mazzeo è infatti un boss mafioso particolarmente sanguinario, che sta cercando di portare a termine l’affare dell’uranio impoverito con il quale costruire bombe sporche e potenti, che promettono di provocare, con investimenti ridotti, grandi perdite di vite umane. Ed attialmente, egli sta trattatando con il Torrisi e con i Corda.

Facebook   Segui

Twitter   Segui
   Instagram   Segui

YouTube   Segui

Squadra Antimafia 8, anticipazioni puntata 13 ottobre 2016: Ulisse Mazzei vuole uccidere Corda?

L’asta sta infatti per iniziare ed i compratori del materiale di contrabbando, stanno arrivando. La Duomo vuole fermare Reitani ma soprattutto, dimostrare chi ha assunto la sua identità, cioè Mazzeo; questo è un compito che si rivela particolarmente arduo, anche per delle complicazioni che via via, nel corso delle indagini, sembrano si presentino. La Cantalupo però, non intende mollare la presa ed è intenzionata a comprendre, insieme alla sua squadra perchè il boss Mazzeo sia tornato a Catania dopo tanti anni. L’ipotesi fatta dalla squadra mobile, è che il boss voglia regolare i conti con Corda.

E’ possibile  quindi che il suo vero scopo sia quello di uccidere quest’uomo? Se Ulisse Mazzei ha assunto l’identità di Giovanni Reitani, chi era allora quest’ultimo? Sembra che Reitani fosse l’uomo che Adamo Corda aveva assunto quaranta anni prima per uccidere lo stesso Ulisse Mazzei. Se la verità è questa, portare a termine l’affare dell’uranio, per Corda, potrebbe forse segnare la sua stessa fine? Ulisse Mazzeo intende forse ucciderlo, regolando così vecchi conti in sospeso?

In attesa di scoprirlo non perdete le prossime anticipazioni sull’ottava serie della fiction Squadra antimafia.