Economia Pensioni Riforma pensioni

Riforma pensioni 2017: ecco il focus su Opzione Donna, lavoratori precoci ed esodati (oggi, 23 novembre 2016)

Ultimissime news sugli emendamenti alla Legge di Bilancio 2017 per opzione donna, precoci ed esodati: i punto ad oggi 23 Novembre 2016

Pubblicato il: 23 Novembre, 2016  Visualizzazioni: 468


Riforma pensioni 2017: ecco il focus su Opzione Donna, lavoratori precoci ed esodati (oggi, 23 novembre 2016)

Ultimissime news sugli emendamenti alla Legge di Bilancio 2017 per opzione donna, precoci ed esodati: i punto ad oggi 23 Novembre 2016

Le news aggiornate ad oggi 23 novembre 2016 sulla riforma pensioni 2017 riguardano il tema dell’opzione donna, degli esodati e dei lavoratori precoci che in questo momento stanno tenendo banco nella plitica italiana. Le ultime notizie giungono dall’iter della Legge di Bilancio in cui sono infatti in discussione gli emendementi presentati: andiamo a scoprire nel dettaglio questo focus.

Riforma pensioni 2017, Opzione donna: gli emendamenti slittano ma proroga vicina

Il viceministro dell’Economia Morando si é detto favorevole a modifiche per quanto concerne il capitolo previdenziale che tocca da vicino le lavoratrici che richiedono l’estensione della 243/2004 e degli esodati, che reclamano l’ottava ed ultima salvaguardia. Damiano si dice soddisatto dell’apertura in una nota stampa diffusa ieri.

L’annuncio del viceministro Morando sulla disponibilità del Governo a modifiche su opzione donna ed esodati va nella giusta direzione, quella che abbiamo sostenuto con forza in questi mesi e che abbiamo tradotto negli emendamenti alla legge di Bilancio. Aspettiamo di vedere le proposte e ci auguriamo che siano conclusive”

Riforma pensioni 2017, news al 23 Novembre 2016: quali gli emendamenti per esodati e opzione donna?

Damiano ricorda nella sua nota stampa quali dovrebbero essere gli emendamenti che ora, allal luce dell’intenzioni esplicitate dal Governo, dovrebbero poter vedere la luce nella prossima Legge di Bilancio 2017. Come a dire se la volontà politica si tramutasse in fatti questi 2 emendamenti per Opzione donna ed esodati non dovrebbero trovare alcuna opposizione.

Per gli esodati che sia ripristinata la data del 31 dicembre del 2014 per l’ingresso nella mobilità, e cancellato l’attuale testo del Governo che l’ha anticipata al 31 dicembre del 2012. Per opzione donna dobbiamo includere nella normativa anche le lavoratrici che compiono 57 o 58 anni nell’ultimo trimestre del 2015 e proseguire nella sperimentazione attraverso il monitoraggio dei risparmi.

Riforma pensioni 2017, lavoratori precoci: la quota 41 universale solo un miraggio?

Al momento parrebbe proprio di sì, diversi gli emendamenti presenati da FDI al momento rigettati, resta da sperare ancora nella mozione al sentao presentata dal M5S in cui viene richiesta l’estensione della quota 41 a tutti i precoci senza alcuna distinzione interna tra categorie. Anche Landini della Fiom si é schierato pro quota 41 e pro precoci

Nella trasmnissione ‘IN 1/2 ora’ condotta da Lucia Annunziata su Rai Tre, domenica 20/11/2016 vi é stato un interessante confronto tra Landini ed il Premier Renzi, il sindacalista ha fatto notare come la priorità dei cittadini non sia il Referendum Costituzionale, ma il poter accedere alla pensione dopo 40 anni di lavoro ed avere i soldi per arrivare alla fine del mese. Si resta in attesa dell’iter conclusivo della Legeg di Bilancio che dovrebbe portare all’analisi edegli emendamenti entro oggi e alla stesura della LdB2017 definitiva entro il 27/11. Le sorti previdenziali di Opzione donna, precoci ed esodati hanno dunque le ore contate.