Pubblicato il: 03 Ottobre, 2015  224

Falseum: apre a Biella il museo dei falsi e degli inganni

Il museo si trova al Castello di Verrone ma i visitatori non troveranno le copie delle opere famose, bensì uno spettacolo che li lascerà a bocca aperta.

Falseum: apre a Biella il museo dei falsi e degli inganni

Il museo si trova al Castello di Verrone ma i visitatori non troveranno le copie delle opere famose, bensì uno spettacolo che li lascerà a bocca aperta.

A Biella ha appena aperto un museo davvero singolare: si tratta di una galleria dove però non si troveranno opere d’arte vere e proprie, bensì misteri sui quali meditare. Non a caso si chiama Falseum, o meglio il museo dei falsi e degli inganni.

Da sempre ogni artista ha dovuto fare i conti con i falsari, ovvero persone che riproducevano le loro opere per poi venderle, spacciandole come originali. C’è anche chi ha tentato di copiare lo stile dei grandi pittori o scultori creando opere nuove per poi rivenderle come autentiche. L’inganno, la menzogna e l’invidia sono caratteristiche intrinseche dell’uomo che da sempre ne hanno accompagnato la storia.

È proprio su questi presupposti che si base il Falseum, il primo museo al mondo del falso e dell’inganno: è stato aperto nei giorni scorsi a Biella, al Castello Verrone, e si tratta di un allestimento che vuole sfidare il concetto stesso di museo. Sebbene il nome possa far pensare subito a una semplice raccolta delle copie di opere dei grandi artisti, in realtà i visitatori troveranno tutt’altro: il Falseum è un grande palcoscenico che vuole azionare dei meccanismi di riflessione nelle persone che lo frequenteranno.

Ogni sala del museo propone un tema ben preciso legato a una storia, un episodio o un esperimento sui quali da sempre aleggia un dubbio a proposito della loro veridicità. Si potranno così vedere allestimenti in chiave scientifica, altri in chiave fotografica, altri contenenti oggetti particolari. Lo scopo è quello di fare in modo che il visitatore si ponga sempre delle domande, del genere ‘è realtà o finzione?’.

Facebook   Segui

Twitter   Segui
   Instagram   Segui

YouTube   Segui

Tra le tante sale del Falseum, spiccano quella dedicata all’allunaggio del 1969, quella dedicata al celebre mostro di Lochness, quella che racconta l’11 settembre e quella che celebra le famose teste di Modigliani. In ogni sala sarà presente una guida vestita a tema che accompagnerà gli avventori in questo curioso e affascinante viaggio attraverso il mondo dell’inganno.

Il Falseum si propone dunque non come un classico museo, bensì come uno svago, un divertimento che però lascia spazio a profonde riflessioni.