Da moltissimi anni, Venezia è considerata una delle città più belle e suggestive del mondo; milioni di visitatori provenienti da ogni angolo del pianeta infatti raggiungono o vorrebbero raggiungere questa città incantata almeno una volta nella vita.

Oggi, vorrei però portare l’attenzione su alcune località meno note di Venezia, come per esempio la laguna veneta e le sue incantevoli isole.
Ogni viaggiatore vorrebbe trovare un alloggio comodo e situato in un’ottima posizione, un alloggio che possa essere ogni giorno un punto di partenza per un itinerario diverso: vi consiglio di cercare la vostra struttura su HotelsClick.com o altri portali online, in quanto offrono prezzi davvero molto competitivi nel mercato!

Laguna Veneta
La Laguna di Venezia o Laguna Veneta è una baia chiusa e poco profonda del Mar Adriatico, un territorio complesso e affatto uniforme, caratterizzato da un ricco ecosistema.
La laguna superiore presenta il tipico paesaggio della “barena”, arricchita da flora e fauna fragile ma tenace. Altro segno distintivo, viene rappresentato dalle valli da pesca con i tipici “casoni” dei pescatori.
Le grandi isole di Burano, Murano e Torcello, sono affiancate da isolotti a volte abbandonati che costeggiano la laguna sul litorale del Cavallino, una zona balneare molto frequentata dai turisti nel periodo estivo.
Forse non tutti voi lo sanno, ma la Laguna e Venezia, fanno parte dal 1987 del patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO, così da trasmettere alle prossime generazioni questo angolo di storia.
Quindi, se vi capita di essere a Venezia e avete abbastanza tempo a vostra disposizione, io consiglierei di trovare un po’ di tempo per fare un giro in laguna e visitare alcune isole minori.

Burano
Burano è un’esplosione di colori vivaci che inevitabilmente colpisce ogni suo visitatore in modo molto piacevole. Secondo alcuni racconti locali, le case sono dipinte con colori luminosi per essere visibili dal mare, quando la nebbia avvolge la laguna. Secondo altre indiscrezioni invece, esse sono dipinte di colori diversi per questioni di confine. In ogni caso, l’effetto è senza ombra di dubbio molto impressionante e pittoresco.
Burano è famosa anche per l’arte del merletto, un’antica tradizione risalente al XV secolo, strettamente legata all’origine marinara degli abitanti dell’isola.
Altra curiosità: lo sapevate che Burano ha un campanile pendente? Non sarà famoso come la Torre di Pisa, ma vi assicuro che vale la pena di vederlo!

Murano
Murano è famosa in tutto il mondo per la fantastica lavorazione artigianale del vetro, risalente al XIII secolo, quando la Repubblica Veneta ha deciso di trasferire tutte le fonderie situate a Venezia sull’isola di Murano.Le fornaci sono visitabili grazie a numerose visite organizzate, che permettono di entrare all’interno dei laboratori e vedere le varie fasi della lavorazione del vetro.
L’isola ospita anche un museo interamente dedicato a quest’arte: il Museo Vetrario di Murano, fondato nel 1861 presso Palazzo Giustiniani, vecchia residenza dei vescovi di Torcello. All’interno del Museo si possono conoscere le tappe più importanti della storia del vetro, oltre ad avere l’opportunità di ammirare alcuni splendidi prototipi di produzione locale.
Pittoresche e suggestive anche le isole minori di questa porzione di laguna, da inserire in un possibile itinerario in canoa che potrebbe svolgersi attraverso: Torcello, Burano, S.Francesco del Deserto, dove emerge il campanile del convento francescano incorniciato dai cipressi, l’isola degli orti S.Erasmo, il Lazzaretto Nuovo, Madonna del Monte, Murano e Mazzorbo. Il tutto organizzato in un percorso di circa 22 chilometri.

Torcello
Quasi completamente disabitata e ricoperta da una natura incontaminata, Torcello è sicuramente la più misteriosa e spirituale tra le l’isole della laguna!
Qui le attrazioni principali sono la Basilica di Santa Maria Assunta, dove sono ancora conservati alcuni mosaici bizantini, e la Chiesa di Santa Fosca, dove riposa il cranio di Santa Cecilia.
Se avete coraggio, è possibile anche attraversare il cosiddetto ponte del diavolo.

Lido
Il litorale della bocca di Porto di Lido a quella di Malamocco (Lido di Venezia) è rinomata per i ben noti insediamenti balneari e turistici, diventati famosi anche all’estero per la Mostra del Cinema.
Ogni anno dal 1932 nel mese di settembre si svolge La Mostra del Cinema,un grande evento che attira migliaia di persone provenienti da tutto il mondo, fra attori e semplici fan.
Durante l’estate, le sue spiagge vengono affollate da cittadini e turisti: una lunga e stretta striscia di sabbia di circa 11 chilometri nel cuore della Laguna Veneta.
Trascorrere qui alcuni giorni, significa rilassarsi e prendersi una pausa dai ritmi frenetici della vita quotidiana e dalle grandi camminate che vi aspettano per visitare tutto il territorio Veneto. Anche per questa tipologia di break, vi consiglio di dare vedere le varie offerte sul web per trovare confortevoli hotel ed alloggi come B&B o ostelli.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !