Itinerari inusuali per partire alla scoperta delle meraviglie nascoste della città eterna

Roma, una delle principali mete del turismo mondiale, offre notevoli bellezze storico-architettoniche agli sguardi estasiati dei suoi visitatori. Tuttavia, accanto ai siti più noti, come Piazza di Spagna, la Fontana di Trevi o i Musei Vaticani, la città eterna custodisce degli angoli più riposti, ma altrettanto affascinanti, su cui ogni visitatore dovrebbe soffermarsi almeno una volta nella vita.

Piazza Barberini ospita l’opera che qui il Bernini realizzò nel ‘600, ovvero la Fontana del Tritone, un capolavoro di maestria barocca. Nella stessa sede sorge Palazzo Barberini, sede dell’Istituto di Numismatica e della Galleria di Arte Antica. Di notevole impatto visivo, la moschea di Roma si attesta come l’edifico di culto islamico più grande d’Europa. Progettata da Paolo Portoghesi, la moschea mostra un perfetto connubio di arte rinascimentale italiana e di arte islamica.

In Piazza Campidoglio sorge il Palazzo dei Conservatori, la cui imponente facciata fu realizzata, su richiesta di Papa Niccolò V, da Michelangelo. Presso la Porta di San Paolo si erge maestosa la Piramide Cestia, un monumento funebre antico, ispirato all’arte egizia. In essa è sepolto uno dei membri del Septemviri Epulenes.

Accanto alla Piramide Cestia sorge il cimitero acattolico della capitale. Denominato anche Cimitero del Testaccio, dall’omonimo quartiere in cui si trova, il cimitero ospita le spoglie di alcuni dei più illustri uomini del passato, da John Keats ad Antonio Gramsci.

Via Veneto, strada resa celebre dal film La Dolce Vita, ospita la chiesa di Santa Maria Immacolata, un edifico seicentesco che al suo interno custodisce una cripta interamente ricoperta dalle ossa dei frati della chiesa.

Roma, città eterna, gode di un immenso e meravigioso patrimonio artistico che si può scoprire man mano che la si visita.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !