Guida Twitter: tutto quello da evitare in un tweet
Twitter logo

Nel corso degli ultimi anni, il social network Twitter è diventato sempre più utilizzato dai giovani e non solo grazie alla sua grande capacità di sintesi e di diffondere notizie ed opinioni. Un tweeter deve stare attento a ciò che sceglie di diffondere, evitando anche possibili figuracce. Ecco una guida su cosa non dovrebbe fare un utente di Twitter in uno dei suoi messaggi con il limite di 140 caratteri.

Innanzitutto, un tweeter deve stare attento a non esagerare con gli hashtag, i classici termini preceduti dal cancelletto. I messaggi incastonati da questi elementi diventano molto più difficili da leggere e comprendere. Una buona guida Twitter consiglia che è preferibile scrivere un classico post con una sequenza di parole normali, e magari alla fine dello stesso inserire un paio di hashtag per enfatizzarne il significato. Ma non più di due: altrimenti si rischia di cadere nell’eccesso.

Inoltre, un profilo Twitter non deve essere ripetitivo facendosi costantemente pubblicità. Ai followers piacciono coloro che sanno diversificare i propri argomenti e non si focalizzano sulla promozione di se stessi. Si tratta di un metodo perfetto per creare la giusta interattività tra utente e lettore, con la conseguente nascita di un filo diretto e la capacità di suscitare un elevato grado di interesse.

Inoltre, i post che nascono con l’unico scopo di ottenere il ReTweet sono assolutamente da evitare. La guida Twitter ci dice che i followers detestano chi ha intenzione di imporgli determinate operazioni e condividono un tweet soltanto se sono pienamente interessanti ai contenuti condivisi. Anche in questo caso, è molto importante saper scegliere il tema giusto, possibilmente una delle tendenze del momento, e fare in modo che il proprio cinguettio si diffonda fino a diventare virale.

In questa seplice e rapida guida Twitter abbiamo inserito soltanto alcune delle regole basilari delle quali un tweeter deve tenere conto nella scrittura dei propri post sul social network dei cinguettii.