UE: i dati degli utenti europei non potranno essere immagazzinati.

Situazione complessa tra Stati Uniti ed Unione Europea per quanto riguarda il web: la Corte di Giustizia dell’Unione Europea avrebbe infatti bocciato il Safe Harbor, un particolare trattato che consente alle aziende americane, come Amazon e Google, di immagazzinare i dati degli utenti del web.

Viene annullato il Safe Harbor dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea: tale trattato infatti non fa altro che violare la privacy dei cittadini che navigano sul web e che provengono dal suolo europeo. Ma non tutti gli Stati dell’Europa sono convinti di tale provvedimento. Tra di essi ovviamente erano compresi anche gli europei: una visita sul sito di Amazon, una ricerca su Google ed altre operazioni simili agevolano di fatto il lavoro di queste aziende, che propongono loro diverse tipologie di prodotto.

Non sarebbe però dello stesso pensiero la Corte di Giustizia Europea, che durante il processo relativo al Safe Harbor, avrebbe inteso questo comportamento, da parte delle aziende, come violazione della privacy dei utenti del web.

Il tutto sarebbe nato a causa della denuncia di uno studente austriaco: Max Schrems, ovvero lo studente, avrebbe denunciato il social Facebook ed il suo creatore in quanto, secondo lui, egli sarebbe colpevole di aver fornito i suoi dati privati alla NSA Americana.

La Corte Europea, per evitare che situazioni del genere potessero ripresentarsi nel breve periodo, ha preso quella che, secondo le aziende americane, è una decisione drastica e per certi versi insensata. Ma queste non si sono di certo lasciate demoralizzare o spaventare, in quanto sembra che si stia già lavorando ad un accordo differente sul Safe Harbor, visto che la sentenza non può essere impugnata e non è possibile ricorrere in appello.

Spaccata anche l’Europa intera, visto che Germania e Francia sono felici della sentenza, mentre il Regno Unito, nel quale vi sono alcune sedi di lavoro della Apple, avrebbe protestato contro la decisione. Nei prossimi mesi sarà possibile capire come si evolverà tale vicenda e quali saranno gli effetti collaterali che, a lungo andare, potrebbero manifestarsi sul web europeo.

UE: vietato per le aziende americane conservare i dati degli utenti europei ultima modifica: 2015-10-06T19:00:01+00:00 da Giovanni Iacomino Caputo
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !