L’applicazione è fruibile tramite un’interfaccia semplice e intuitiva”. È il paragrafo 1 del manuale per l’utente che vuole installare e utilizzare l’agente Rcs (Remote control system), il sistema che consente di intercettare e pedinare in maniera digitale ogni nostro spostamento, telefonata, fotografia, email e tutto ciò che possiate immaginare, a patto che transiti da uno smartphone o da un computer. Questo è il sistema che è stato utilizzato per trasformare il pc del faccendiere Luigi Bisignani in una cimice che registrava tutti i suoi colloqui. In quel caso, come in molte altre indagini nei confronti di mafiosi e corrotti, però c’era un pubblico ministero a vigiliare sull’uso dei dati.

Adesso invece potrebbe aprirsi un far west informatico. L’interfaccia “semplice e intuitiva”, così come il software Rcs, è online ed è possibile scaricarla da più di un sito web. Il punto è che anche il manuale delle istruzioni, di appena 122 pagine comprensibili anche per chi mastica poco il linguaggio informatico, è disponibile on line e se non bastasse porta il timbro del nostro ministero dell’Interno. Per quanto possa sembrare assurdo, è proprio il manuale adottato dal Viminale sin dal 2008, a spiegare come sferrare un attacco a telefoni e pc dei cittadini e delle istituzioni.

Furto Hacking Team, svelato il kit-Viminale per diventare grandi spioni ultima modifica: 2015-07-23T08:19:45+00:00 da Paolo DG
1
2
3
4
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !