Us Open: finale storica tutta italiana tra la Pennetta e la Vinci
Roberta Vinci

Per la prima volta nella storia del tennis la finale dell’US Open, la finale vedrà scontrarsi due italiane: la Pennetta, reduce dalla vittoria contro la Halep, e la Vinci, che è riuscita a piegare in semifinale la Williams, numero uno del mondo. Flavia Pennetta e Roberta Vinci hanno compiuto un’impresa storica, conquistando una finale tanto sperata quanto inattesa. Sabato 12, alle 21, ora italiana, le due azzurre si contenderanno l’ambito titolo, giocando per la prima volta in assoluto una finale tutta italiana in un torneo dello Slam.

La semifinale di Flavia Pennetta si è chiusa in un’ora soltanto, con il risultato di 6-1 6-3.
Dopo un primo set di assoluto dominio dell’italiana, nel secondo set, in primo break della Pennetta suscita una reazione nella Halep, che tenta una rimonta, ma si ferma al primo contro break e soccombe sotto i colpi potenti e precisi di Flavia.

La vera impresa, però, è quella di Roberta Vinci che, dopo due ore di scambi al cardiopalma, riesce a piegare la campionessa del mondo in tre set, con il punteggio di 2-6 6-4 6-4.
Durante il primo set la nostra Roberta soffre, ma resta nel match con una grinta da leone e, pur non infilando molte prime di servizio, riesce ad avere la meglio sulla Williams.

La Vinci, che ha dimostrato grinta e carattere, lottando nonostante l’iniziale svantaggio e riuscendo a battere la numero uno al mondo proprio sul campo di casa sua, rubandole la possibilità di coronare la sua carriera realizzando il Grande Slam, in precedenza non avena mai conquistato nemmeno un set contro la Williams.

Ora Roberta dovrà giocarsi la finale contro l’amica e connazionale Flavia Pennetta; sulla carta, Flavia resta leggermente favorita ma Roberta, la cui vittoria in semifinale era data 300 a 1, ci ha insegnato che i pronostici non possono nulla contro la grinta e la voglia di vincere.
Qualunque sarà il risultato, avremo comunque una vittoria italiana e una finale memorabile.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !