Università telematica: vantaggi, svantaggi e confronto con quella privata

 

Iscriversi all’università rappresenta sempre una scelta di grande importanza e bisogna ponderare bene le diverse possibilità: da sempre si è discusso sulla migliore strada da prendere scegliendo tra enti pubblici e privati, ed oggi si aggiunge anche la possibilità di optare per per l’università telematica. Continuando nella lettura vi mostriamo le caratteristiche di questo tipo di istituto e quali sono i vantaggi e gli svantaggi facendo un confronto con quella pubblica.

 

L’università telematica si tratta di un vero e proprio ente universitario, riconosciuto a tutti gli effetti dal MIUR (Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca). Il sistema di insegnamento si basa essenzialmente sul metodo di e-learning, con le lezioni che si tengono principalmente via web e con i materiali didattici solitamente scaricabili dalla piattaforma del relativo istituto telematico. Gli esami vanno comunque svolti presso le sedi dell’università davanti ai docenti. Diversi sono i vantaggi riconosciuti dalla scelta di questo tipo di università: si tratta sicuramente di una idea nata inizialmente per favorire le attività degli studenti lavoratori, che non hanno sufficiente tempo per poter seguire le lezioni fisicamente presso le aule degli atenei classici.

Tra gli elementi positivi, sicuramente bisogna annoverare gli orari flessibili, in quanto le lezioni possono essere seguite durante l’orario preferito dallo studente, che può gestire meglio i propri impegni senza dover rispettare i vincoli imposti dai tempi dell’università. Inoltre il materiale didattico è comodamente reperibile online e può essere visionato ogni qualvolta se ne abbia bisogno. In più ciascuno studente ha sempre un tutor a propria disposizione, per essere seguito durante tutto il percorso di studio, con risposte adeguate ad ogni dubbio o incertezza.

Esistono tuttavia anche alcuni svantaggi legati all’università telematica: ad esempio le tasse di questo tipo di atenei sono generalmente più alte rispetto a quelle richieste dagli enti tradizionali. Inoltre, la vita universitaria non può essere vissuta al massimo livello, con una perdita in termini di esperienza e di amicizie strette con gli altri compagni.