Settimana corta bocciata, gli studenti preferiscono 6 giorni invece di 5

La tendenza di molti istituti scolastici è quella di avere introdotto la settimana corta, con le lezioni dal lunedì al venerdì e con il sabato festivo. L’iniziativa non piace agli studenti che preferiscono vedere le ore spalmate su più giorni, da questo è nata la protesta in un istituto superiore a Milano.

La protesta degli studenti al Severi di Milano nasce dal fatto che i ragazzi si lamentano che accorciando la settimana scolastica, si appesantisce di molto il carico di studio e di impegno quotidiano. Il primo giorno nel quale il nuovo orario è entrato in vigore, gli studenti hanno deciso di bloccare l’atrio della scuola e di riunirsi in assemblea.

Gli studenti accusano la scuola di alcune irregolarità durante le operazioni di voto nel Consiglio di Istituto, durante il quale è stata presa la decisione della settimana corta. Gli studenti dichiarano che dei 4 rappresentanti d’obbligo nel Consiglio, solamente uno era presente, dal momento che i restanti dovevano ancora essere eletti. Su un piano diverso la Provincia che dichiara che la settimana corta porta un notevole risparmio sul riscaldamento. Soldi che la Provincia vorrebbe investire nell’edilizia scolastica. A Milano la percentuale delle scuole che hanno aderito alla settimana corta è di circa il 50%.

Gli studenti contrari ai 5 giorni di scuola sono moltissimi e decisamente compatti nella protesta. Secondo gli studenti oltre al carico di lavoro quotidiano ulteriore, si peggiorerebbe la condizione dei pendolari che arriverebbero a casa troppo tardi visto l’allungamento giornaliero dell’orario scolastico. I nuovi orari infatti terrebbero gli studenti a scuola a seconda della tipologia di istituto ad un orario compreso fra le 14 e le 16. alla protesta degli studenti si aggiunge anche quella del personale docente e dei genitori.

A Milano sono 43 gli istituti che resteranno chiusi il sabato, mentre alcune scuole stanno ancora valutando aspettando il parere degli insegnanti e degli studenti. Il Liceo Classico Parini invece ha deciso di sperimentare la settimana corta per una sola sezione, in modo da poter valutare al meglio i vantaggi e gli svantaggi.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !