Scuola: gli assunti della fase C scavalcano quelli della fase B, anche avendo minor punteggio !

Il mondo della scuola sta subendo dei continui cambiamenti e quello che ha portato allo sblocco delle assunzioni per i precari voleva migliorare la situazione di molti insegnati privi di cattedra. I molti precari che però verranno assunti nelle prossime settimane, nella fase B del programma che dovrebbe portare a delle stabilizzazioni, potrebbero venire destinati a sedi con maggiori disagi rispetto a quelli che otterranno il ruolo fra Novembre e Dicembre. L’incongruenza dell’operazione è maggiore se si considera che quelli che rientreranno nella fase C hanno punteggi inferiori a quelli assunti in queste settimane.

La Legge 107 del 2015 è stata concepita per riuscire a regolamentare tutte le fasi necessarie ad immettere nel ruolo moltissimi insegnanti. Tutti i docenti che hanno già ricevuto la proposta di assunzione avranno un tempo di dieci giorni per decidere se accettare l’incarico oppure rifiutare. Nelle prime fasi del programma sono state coperte le regioni del Centro Sud, quindi potrebbe essere probabile che molti docenti dovranno trasferirsi in sedi al Nord.

Il problema si presenterà in maniera molto estesa, quando i docenti che dovranno essere assunti nella fase C, vedranno loro assegnate sedi più vicine alla città di residenza, in quanto posseggono un punteggio e una graduatoria peggiori.

Per quanto riguarda le assunzioni per la fase B i posti disponibili sono quasi esclusivamente localizzati nell’Italia settentrionale. I posti disponibili invece per l’ultima fase del programma saranno circa 52 mila e distribuiti in tutte le provincie d’Italia.

Si deve considerare che tutti i docenti che hanno fatto domanda di inserimento verranno scelti nelle graduatorie ad esaurimento e fra quelle del concorso del 2012, mentre ovviamente saranno esclusi quelli già assunti nelle fasi precedenti e che hanno già presentato la necessaria domanda.

Queste notizie ovviamente hanno creato malcontento fra i docenti che si vedono trasferiti lontano da casa pur possedendo ottimi punteggi e avendo aspettato per anni di poter entrare finalmente nel mondo della scuola a tempo indeterminato.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !