Come aprire un asilo nido privato: requisiti e procedure da effettuare

 

Oggigiorno sono molte le persone che si chiedono come aprire un asilo nido privato e si può dire tranquillamente che non è difficile farlo, grazie ai fondi stanziati dall’Unione Europea oppure ai fondi per lo sviluppo dell’imprenditoria femminile. Aprendo un asilo nido si avvia una vera e propria attività che necessiterà di luoghi idonei e di un personale qualificato nel campo dell’infanzia. Di seguito, per chi è interessato, vi abbiamo riassunto i requisiti e le successive procedure da mettere in atto per realizzare questo intento.

L’asilo nido è un luogo che ha come obiettivo principale l’educazione dei piccoli che hanno una età compresa tra minimo 3 mesi a massimo 3 anni. In esso devono svolgersi attività ludiche, assunzione del pranzo in compagnia e infine il riposino pomeridiano.
Il comune di residenza una volta effettuate le apposite verifiche e si è assicurato della presenza dei requisiti richiesti dalla legge, ne dà l’ok. In seguito l’autorizzazione vera e propria viene concessa dallo sportello per attività produttive.

Per poter aprire un asilo nido privato è importante che i responsabili abbiano un titolo di studio inerente o delle qualifiche professionali tra questi rientrano:

-quelli da dirigente per comunità infantili,
– tecnico dei servizi sociali;
– maturità magistrale;
– maestra di asilo;
– maturità socio psico pedagogico e assistente nelle comunità per bambini.

E’ invece esclusa una laurea in particolare, ossia quella in psicologia. Se non siete in possesso di questi titoli, potrete aprire l’asilo ma dovrete poi assumere personale competete e avente tali titoli.

Inoltre vi sono dei requisiti qualitativi, strutturali e tecnici che l’asilo nido privato dovrà rispettare. L’asilo potrà ospitare da un minimo di 19 bambini ad un massimo di 50. Dovrà restare aperto almeno 42 settimane all’anno e 5 giorni in una settimana. Inoltre in una giornata dovrà restare aperto minimo 5 ore massimo 11.

Infine, è bene sapere che per poter ottenere l’autorizzazione bisognerà rivolgersi al comune. L’autorizzazione ha una durata di tre anni e può essere ritirata in anticipo nel momento in cui non vengono rispettati gli obblighi previsti nel contratto o vengono meno i requisiti richiesti. La domanda può essere consegnata in due modi o direttamente allo sportello del comune nell’area attività produttive o con raccomandata.

Queste che vi abbiamo mostrato sono tutti i requisiti e le procedure da mettere in atto utili a capire come aprire un asilo nido privato. Se siete interessati non dovete far altro che seguire queste indicazioni oppure, se avete dubbi, rivolgersi al comune di appartenenza.