Iscrizioni universitarie 2015/2016
Aumenta incredibilmente il numero delle donne che, nel corso del prossimo anno scolastico, decideranno di iscriversi all’Università.

72%: è questo il dato percentuale che viene registrata per quanto riguarda l’aumento delle donne che hanno deciso di iscriversi all’Università, nel corso del prossimo anno scolastico universitario, sia italiano che mondiale.

Si tratta di un segnale abbastanza forte, che specie in Italia, dimostra come le donne vogliano avere pari diritti, e soprattutto vogliano avere una cultura forte che permetta loro di non dover essere sempre dipendenti da altre persone, anche sotto il punto di vista culturale.

L’aumento deriva anche dagli sconti e promozioni che vengono creati dai centri universitari: già nel corso dell’anno scorso, diverse Università italiane, come quella di Camerino, che offriva un anno d’iscrizione gratuita per coloro che avevano i genitori disoccupati.

Ma anche nella fascia della terza età sono stati riportati ottimi dati per quanto riguarda l’iscrizione delle donne: le cinquantenni, e molte sulla soglia dei sessant’anni, hanno deciso di tornare sui banchi di scuola, e di ottenere un titolo di studio importante come appunto la laurea.

Questo incremento, che si è registrato dunque in una fascia d’età importante, deriva dal fatto che i programmi sono leggermente più facili, rispetto gli studi classici, ed inoltre, le tante attività ricreative, hanno creato molta curiosità da parte delle donne.

Ma non solo in Italia: anche in Inghilterra, e negli altri Paesi europei, si è registrato un incremento costante delle iscrizioni delle donne all’Università, dato che ha fatto presupporre che si trattasse di una rivoluzione femminile silenziosa, senza troppo scalpore e chiasso.

Diminuisce invece il numero di persone fuori corso che ha deciso di tornare sui banchetti universitari, sinonimo di un impegno costante da parte dei giovani di tutte le età, e degli adulti che cercano di laurearsi dopo aver momentaneamente interrotto gli studi.

Le donne dunque tornano a far parlare di loro, ed ovviamente in una maniera assai positiva, visto che si tratta di un grande passo in avanti da parte del gentil sesso, che punta sulla cultura da poter sfruttare sia per potersi affermare sia nella vita lavorativa, che in quella di tutti i giorni.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !