Salute uomo: ecco i 9 sintomi da non ignorare

Disfunzione erettile, gonfiore ai pettorali, minzione notturna irregolare, alterazione dei sensi, noduli ai testicoli e ai capezzoli, ematuria, comportamento da alcolisti e dolore all’alluce. Secondo degli specialisti britannici, tra cui figura anche Michael Dooley della Poundbury Clinic al King Edward VII’s Hospital, sono questi i sintomi da non sottovalutare, soprattutto per quanto riguarda le persone di genere maschile. Vediamo nel dettaglio sintomo per sintomo.

1) Disfunzione erettile. In ambito medico, il National Institutes of Health (NIH), la si può definire come “l’incapacità di avere o mantenere un’erezione adeguata per un rapporto sessuale soddisfacente”. Secondo l’urologo inglese Ray Persad, non è da attribuire al caso se un soggetto di genere maschile con problemi d’erezione ha un problema al cuore entro i cinque anni.

2) Gonfiore ai pettorali. A meno che non siate degli sportivi, il gonfiore insolito ai pettorali potrebbe essere una spia di problemi ormonali o di presunte patologie legate al fegato.

3) Minzione notturna. Non riuscite a dormire perché durante la notte avvertite lo stimolo di urinare? Sono segni legati alla prostata da non sottovalutare.

4) Alterazione dei sensi. Si fa in particolar modo riferimento all’olfatto o ad alterazione della libido. In questi casi, infatti, si può avere un quadro clinico legato a problemi endocrini, ormonali e altri disturbi correlati alla fertilità.

5) Noduli ai testicoli. Nella maggior parte dei casi si tratta di neoplasie benigne, ma non vanno sottovalutati. Potrebbero nascondere dei tumori. Per ogni eventualità, è sempre bene consultare il medico.

6) Noduli ai capezzoli. Per ovvie ragioni è riscontrato di meno negli uomini, ma questa condizione potrebbe far emergere un carcinoma mammario.

7) Ematuria. Si tratta di una condizione che corrisponde all’apparizione del sangue nelle urine. In tal caso, senza fare troppi allarmismi potrebbe trattarsi di un tumore alla vescica.

8) Alcool e comportamento irregolare. Nella maggior parte dei casi, l’eccessivo consumo di alcool ‘nasconde’ problemi depressivi e di dipendenza.

9) Dolore all’alluce. Quando il dito del piede provoca dolore, in assenza di traumi, potrebbe trattarsi di gotta: si tratta di una malattia del metabolismo con episodi più o meno gravi di artrite infiammatoria acuta.

Ovviamente, in questi e in altri casi è bene consultare il medico di base o degli specialisti del settore.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !