Fitness: come eseguire correttamente le trazioni alla sbarra

Le trazioni alla sbarra sono quei tipici esercizi di fitness che consentono di allenare con solo i muscoli delle braccia ma anche quelli della spalla. Eseguirli correttamente comporta un duro allenamento e per non farsi male è necessario fare attenzione a tanti piccoli accorgimenti affinché risultino efficaci. Inoltre la sbarra deve essere solida e resistente per poter sopportare il peso del corpo.

Le trazioni alla sbarra sono gli esercizi di fitness migliori che si possano fare per tutti coloro che intendono allenare i muscoli della fascia pettorale. Questi hanno anche la funzione di aumentare sia la massa che la forza su questa zona, che a volte è più debole rispetto alla parte inferiore del corpo. Attraverso le prese si possono allenare anche altri muscoli come gli adduttori delle scapole, le spalle ed i tricipiti.

Per essere efficaci le trazioni devono essere eseguite in maniera corretta evitando strappi muscolari o sforzi che potrebbero essere causa di dolori o tensioni muscolari. Se necessario sarebbe più opportuno, almeno nella fase iniziale, farsi seguire da un professionista, per essere sicuri e protetti. Le trazioni, nella maniera più classica, possono essere svolte con una presa prona o supina.

La prima consiste nell’aggrapparsi alla sbarra avendo il dorso verso il proprio viso. Questo esercizio è più difficile e potrebbe comportare dei rischi. Nel secondo caso è il palmo ad essere rivolto verso di sè. La presa può essere stabilita in base alla comodità e la difficoltà è comunque soggettiva.

Per eseguire le trazioni occorre sollevare i gomiti spingendo tutto il corpo verso l’alto in modo che la sbarra risulti parallela al petto. Dopo tornare lentamente nella posizione di partenza senza lasciarsi cadere e distendendo le braccia. Il numero di trazioni dipende dalla forma fisica e dall’esperienza personale. Più si è allenati e più esso sale.

Fitness: come eseguire correttamente le trazioni alla sbarra ultima modifica: 2015-10-06T22:00:11+00:00 da Carmine Picariello
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !