Sempre più chirurghi, negli ultimi anni, consigliano nel campo della medicina estetica il laser: una tecnologia che unisce una grande versatilità nell’intervenire su problemi diversissimi fra loro ad una precisione che porta i chirurghi a consigliarla per la sua scarsa invasività. Si tratta del laser, un fascio di luce ad altissima intensità concentrato in un area minuscola, che sta rivoluzionando il mondo della chirurgia in ogni campo. Se si pensa infatti ai diversi effetti che si possono avere tramite l’utilizzo di questo mezzo, senza però dover ricorrere al bisturi e quindi ad incisioni più o meno grandi, si apprezza subito la sua efficacia. Una scarica di energia così ben mirata, applicabile ad un’area circoscritta a piacimento della pelle del paziente, provoca delle reazioni biologiche che vanno dalla vaporizzazione alla coagulazione, a differenza della sua intensità.

Ma quali sono le applicazioni del laser in medicina estetica? Innanzitutto si può operare in zone molto delicate, come ad esempio il volto, nel quale è essenziale ridurre al minimo le incisioni chirurgiche. Lo si può quindi utilizzare per contrastare smagliature, cicatrici, il melasma e per avviare un processo chiamato “fotoringiovanimento cutaneo”, che porta la pelle ad assumere una migliore tonicità e consistenza.
Non sono da sottovalutare poi i suoi impieghi nel trattamento di disturbi della pigmentazione cutanea, come discromatismi o particolari tipologie di nei. Grazie alle sue proprietà ristrutturanti il laser trova anche grande impiego contro qualsiasi tipo di cicatrice, incluse quelle acneiche, e rughe, permettendo alla cute di recuperare i livelli di idratazione necessari per contrastarle. La grande versatilità del laser, utilizzabile in una serie pressoché infinita di intensità e lunghezze d’onda, fa della scelta delle sue caratteristiche un passaggio chiave per assicurarne l’efficacia, limitando anche i possibili effetti collaterali. Questo perché un fascio di luce non ben dosato o controllato può provocare edemi, eritemi o piccole lesioni vascolari da non sottovalutare.

Il laser porta una grandissima quantità di vantaggi mai visti fino ad ora, potendo essere utilizzato per il trattamento delle più varie patologie con rischi decisamente ridotti rispetto alla chirurgia classica. Tuttavia, come ogni tecnologia, presenta i suoi rischi, derivati soprattutto dalla sua natura versatile, che possono provocare diversi effetti collaterali più o meno gravi. É bene quindi ricorrere a questo tipo di intervento solo nel caso in cui se ne abbia davvero bisogno, ascoltando sempre il parere del medico.

Medicina estetica e tecnologia: il laser ultima modifica: 2015-09-15T00:00:33+00:00 da Carmine Picariello
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !