Nutrigenomica: ecco come mangiare per allontanare le patologie

La nutrigenomica è una disciplina che studia i cambiamenti che determinati cibi possono avere sull’espressione genica, e quindi anche sul metabolismo e sulla possibilità di aiutare il corpo nel reagire a patologie. L’importanza dell’alimentazione e soprattutto della buona alimentazione, soprattutto al giorno d’oggi, è un tema molto interessante e condiviso. Non a caso l’Expo, che sta concentrando l’attenzione mondiale sul tema del cibo, ha ospitato anche una grande tavola rotonda destinata a spiegare “Come l’alimentazione influisce su Dna e salute”. Il tema della nutrigenomica è quindi al centro di una serie di incontri tematici che cercano di sensibilizzare l’opinione comune sull’importanza dell’alimentazione responsabile.

Si nasce con un certo patrimonio genetico che deriva da quello dei propri genitori, questo è un dato di fatto. Ma che tale patrimonio non possa essere condizionato, questo invece non è così indubbio.

La nutrigenomica mira appunto a dimostrare l’influsso che il cibo, a lungo termine, può avere sulla genetica umana, permettendo di attivare o spegnere determinati geni nel corso della vita.

Qualche esempio è subito dato: un’alimentazione che sia troppo incentrata su zuccheri e su carboidrati può portare, notoriamente, a diabete o malattie del sistema vascolare e cardiaco, mentre una dieta poco varia può sviluppare intolleranze, come sempre più spesso avviene nel mondo occidentale.

È stato invece dimostrato che la frutta, se assunta quotidianamente, ha un effetto antiossidante e antinfiammatorio, e che combatta il fisiologico invecchiamento corporeo.

Frutta e verdura, che combattono i radicali liberi e favoriscono l’idratazione, dovrebbero essere assunte almeno cinque volte al giorno. Purtroppo sono davvero pochi giovani e adulti che seguono questa regola.

L’alimentazione variata ed equilibrata rappresenta la migliore arma di prevenzione delle patologie e di cura del corpo. L’effetto benefico dell’alimentazione sana e varia non si vede in pochi giorni, ma spiega i propri effetti in un lasso di tempo più ampio, garantendo una qualità della vita decisamente più alta rispetto ad una dieta squilibrata.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !