L’OMS, dopo la rivelazione delle ricerche sulla carne, ora sta prendendo di mira il caffè. Anche questa sostanza è tra gli alimenti amati da tanti è nel mirino, per poter essere tra i cancerogeni, cioè aumentare il rischio di tumori. L’IARC, per tutta la durata dell’anno 2016, si è riproposta di accentuare le ricerche sulle varie sostanze industriali per rintracciare quelle più cancerogene. Tra queste anche il caffè ed altre bevande calde.

Anche il caffè è ora sotto controllo dall’OMS per essere uno dei possibili alimenti cancerogeni

L’ammissione della carne rossa come possibile agente cancerogeno, di questi giorni, da parte delle relazioni riportate dall’OMS, ha sollevato molte polemiche. In parte sono capibili e giustificate, in altri casi si vuole negare l’evidenza, perchè porterebbe ad ulteriore disoccupazione e ad un allarmismo eccesivo. La verità, come al solito è nel mezzo. Se è vero che consumare quotidianamente carne non è esattamente la dieta giusta, la giusta proporzione e quantità è indispensabile per una dieta sana.

Ora è il turno del caffè a subire gli esami del caso, per verificare se può essere inserito o meno tra gli alimenti cancerogeni. L’IARC, infatti, ha intenzione per tutta la durata dell’anno 2016, di effettuare ricerche tra le varie sostanze che sono presenti in alimenti e bibite, quelle ritenute cancerogene.

I risultati delle ricerche sul caffè saranno resi pubblici per maggio 2016

I produttori sono già preoccupati da quello che uscirà nelle ricerche future. I risultati sono previsti per il mese di maggio 2016. Gli appassionati di caffè, dovranno rinunciare alla loro bevanda preferita? Le ricerche sono comunque rivolte anche verso il Mate, che è un’infusione di un’erba, proveniente dal Sud America, che ama anche il nostro Papa Francesco. Anche altre bevande verranno analizzate, forse anche il tè e la camomilla? Staremo a vedere, intanto cerchiamo di non allarmarci troppo.

Anche il caffè preso di mira dall’ OMS, per le ricerche sugli alimenti cancerogeni ultima modifica: 2015-10-28T18:00:56+00:00 da Dorina Pitondo