Svolta cruciale nel caso di Ashley Olsen, la bionda e bella americana uccisa a Firenze. 35enne appassionata di arte, da qualche anno Ashley si era trasferita dalla Florida a Firenze, in un appartamentino nel quartiere centrale di Santo Spirito. Si tratterebbe di uomo che nella notte tra giovedì 7 e venerdì 8 gennaio avrebbe accompagnato a casa la giovane, incontrata in un locale dove Ashley si sarebbe intrattenuta fino alle cinque assieme a un paio di amiche. Si tratta di un uomo la cui identità (ancora per poco, vista la presenza di numerose telecamere) è attualmente sconosciuta agli inquirenti, e che non è il fidanzato della vittima, il quarantatreenne pittore toscano Federico Fiorentini, colui che ha trovato il cadavere della ragazza e che sembra uscito definitivamente dalle indagini, cui peraltro ha contribuito sempre e solo come persona informata sui fatti.

Ahsley Olsen e l’uomo misterioso sarebbero stati visti insieme da più testimoni e poi ripresi più volte dalle telecamere facenti parte del progetto comunale “Città Sicura”, che si trovano a ogni angolo di strada e che avrebbero immortalato l’ultima passeggiata della vittima e di quello che sarebbe diventato il suo assassino dal locale “Montecarla” – il club privato nel quale Ashley ha trascorso gran parte della notte tra giovedì 7 e venerdì 8 gennaio – sino all’appartamento della ragazza in via Santa Monaca 3, dove ad aspettare la coppia c’era il beagle Scout, che a quanto pare – contrariamente alle sue abitudini – non avrebbe abbaiato vedendo rientrare la padrona assieme a uno sconosciuto.

Sulla scia di quanto ipotizzato ieri dai telegiornali e dai programmi dedicati all’approfondimento pomeridiano, come per esempio “Pomeriggio 5” di Barbara D’Urso, il quotidiano nazionale La Repubblica scrive:

“Qualcuno li vede insieme (ndr. Ashley e l’assassino) e descrive alla polizia la persona con la donna americana. E poi ci sono quei video: tanti fotogrammi mostrano i due che camminano accanto fino all’appartamento di via Santa Monaca. Grazie alle testimonianze raccolte dalla mobile diretta da Giacinto Propazio e alle immagini le indagini sull’omicidio scoperto sabato scorso sono a una svolta, c’è un sospettato. Gli inquirenti non avrebbero ancora individuato il nome della persona con la quale la giovane Olsen ha passato ormai certamente le ultime ore della sua vita, ma l’ipotesi è quella di uno spacciatore che Ashley conosceva e che aveva già incontrato in passato”.

Stando ai risultati dell’autopsia conclusasi ieri sera, martedì 12 gennaio, Ashley Olsen e il suo assassino avrebbero consulto un rapporto sessuale consenziente, terminato il quale, però, qualcosa non va nel modo giusto. Non si sa ancora se volutamente, per via di un qualche rifiuto della vittima a una sua richiesta, o in seguito a un gioco erotico finito male, lo sconosciuto avrebbe poi strangolato la Olsen con uno strumento che potrebbe essere una fascetta, una catenina oppure un semplice cavo (si tratta comunque di un oggetto lungo e abbastanza sottile). Sempre stando a quanto rivelato dall’autopsia, la vittima non avrebbe lottato, né si sarebbe difesa, probabilmente perché non ne ha avuto il tempo.

Fuggendo via dal monolocale dell’Oltrarno, l’assassino avrebbe portato con sé il cellulare della donna, forse ben sapendo di essere stato incastrato dalla telefonata che le avrebbe fatto nella notte per incontrarla. In ogni caso questo suo gesto non servirà a nulla: l’uomo, più volte ripreso dalle telecamere, avrebbe ormai le ore contate.

Il padre di Ashley, il professor Walter Olsen, nella giornata di ieri ha dichiarato in una lettera diffusa a mezzo stampa: “Siamo devastati dal fatto che la nostra preziosa Ashley sia scomparsa in conseguenza di un crimine orribile e senza senso. Era una giovane bella e creativa, con un’anima felice, generosa ed esuberante, ed adorava la sua vita in San Frediano, a Firenze. Abbiamo il cuore spezzato per la sua perdita”.

Ashley Olsen: la 35enne americana uccisa dopo un rapporto, l’assassino ripreso dalle telecamere ultima modifica: 2016-01-13T11:37:58+00:00 da Rossella Martielli