Dieselgate Volkswagen, indagate anche Porche e Audi

Gli Stati Uniti continuano a puntare il dito contro la Volkswagen: controlli anche per altre due case automobilistiche, ovvero la Porsche e l’Audi, anch’esse sospettate di aver effettuato imbrogli simili a quelli della Volkswagen. lL casa automobilistica tedesca: nel mirino degli USA ci sarebbero anche gli altri veicoli, di cilindrata maggiormente potente, che sarebbero stati truccati.

Dieselgate: gli Stati Uniti ancora contro la Volkswagen

Nuova notifica di violazione da parte dell’EPA, ente statunitense per la protezione dell’ambiente, rivolto alla casa automobilistica Volkswagen. Secondo gli esponenti dell’EPA, sarebbero stati adoperati dei programmi in grado di cambiare gli esiti dei test di controllo sulle autovetture per quanto riguarda l’emissione di sostanze inquinanti durante la combustione del carburante. Prese in considerazione le auto con motore diesel da 3.0 litri di cilindrata, ovvero quelli prodotti lo scorso anno.

Scandalo Volkswagen Dieselgate: il gruppo tedesco si difende dalle accuse protratte da EPA

I responsabili della Volkswagen ovviamente non sono rimasti in silenzio ed anzi, hanno deciso di voler far sentire a tutti i costi la loro voce. Accuse infondate: sono queste gli unici commenti rilasciati dal gruppo tedesco, che sostiene che nessun software sarebbe stato installato sui veicoli per alterare i risultati del test. Ma l’EPA rincalza ed aggiunge che, i veicoli del 2014, sarebbero in grado di produrre una quantità di sostanze inquinanti pari a nove volte i limiti consentiti. Per ora, si tratta solo di teorie che non hanno alcuna base nella realtà.

Dieselgate: controlli anche sulle vetture targate Porsche e Audi.

Lo scandalo Dieselgate ha invaso anche altre case automobilistiche, che sono state l’oggetto della critica e dei sospetti da parte dell’EPA. I veicoli in questione sono la Porsche Cayenne e la Q5 e Q8 prodotte dall’Audi, che sarebbero sospette secondo l’EPA, che ha sottolineato come anche queste case automobilistiche abbiano deciso di utilizzare la stessa strategia della Volkswagen, anche se al momento, i responsabili di questi due marchi automobilistici non hanno rilasciato alcun commento e non sono nemmeno corse ai ripari.

Dieselgate: Usa intende sospendere le vendite di Porsche Cayenne diesel prodotte nel 2014 e nel 2015

Stando alle ultime news, gli Stati Uniti ed il Canada avrebbero intenzione di sospendere la vendita delle Porche Cayenne diesel prodotte neglianni 2014 e 2015. Conseguenza plausibile dopo l’accusa dell’EPA sui test di emissioni truccati, che dopo i modelli incriminati euro 5 Volkswagen, ora sospetta la manomissione e falsificazione dei test su motori di cilindrata più grande come Porche Cayenne.

Situazione intricata dunque quella dello scandalo Dieselgate, che giorno dopo giorno regala diversi sviluppi interessanti ed a tratti contorti e preoccupanti.