Motori: l'evoluzione della nuova BMW Serie R GS

La BMW, che oggi vanta anche la produzione del nuovo modello di moto, ovvero la BMW Serie R GS, nacque per ben altri scopi, e di certo non era nota per la produzione di veicoli quali auto e moto.

La BMW nasce nel 1917, ma non come ditta che produceva veicoli, ma bensì riforniva le truppe tedesche di armi da fuoco, che venivano utilizzate durante il primo conflitto mondiale.

L’azienda si interesserà al mondo dei motori, ed in particolar modo delle due ruote, solo nel 1923, anno nel quale venne prodotto il primo motociclo della serie R.

Da quell’anno in poi la BMW, visto il grande successo riscosso, produce tantissime moto, ma il vero fiore all’occhiello è sempre stata la linea R, che ha subito diverse innovazioni ed è sempre la prima linea ad essere lanciata sul mercato quando vengono prodotti nuovi moto veicoli.

Meno fortuna invece nella produzione di scooter e scooteroni, visto che la famiglia di motorini C non è riuscita ad ottenere un grande successo come la casa motoristica tedesca si aspettava.

Una delle ultime novità prodotte dalla BMW, che appartiene alla linea R, è il modello R GS, che dopo esser stato lanciato ad inizio del 2015, ha subito diverse modifiche che di fatto hanno migliorato le prestazioni del veicolo.

Questo è stato reso possibile grazie al nuovo volano, che alleggerisce il veicolo e lo rende maggiormente aggressivo: anche i tre tipi di guida preimpostati, ovvero Road, Rain e Dynamic, permettono di poter sfruttare, in totale sicurezza, la potenza della moto.

Con un motore bicilindrico a quattro tempo, centoventicinque cavalli e una velocità massima che va oltre i duecento chilometri orari, questo veicolo è riuscito a distinguersi anche nel 2015, rendendo omaggio alla famiglia serie R, da sempre considerata come vincente.

La BMW, dopo la sua evoluzione, ha creato una serie di moto ognuna in grado di garantire prestazioni spettacolari, e la nuova arrivata, ovvero la BMW Serie R GS, non è da di certo da meno.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !