Cambio ora legale: lancette avanti di un'ora il 27 marzo 2016

A pochi giorni dall’ormai classica adozione dell’ora solare, già si parla del cambio ora legale e dei suoi effetti benefici. Tutti gli orologi verranno spostati un’ora avanti il prossimo 27 marzo 2016, in una giornata immersa nella piena primavera. Ma perché viene messa in pratica questa particolare alternanza? Cercheremo di dare una risposta ben precisa a tale quesito.

Il sistema di cambio ora legale riguarda il nostro paese da circa un secolo. La prima volta nella quale sono state spostate le fatidiche lancette risale al 1916 e il metodo è andato avanti fino al 1920, anno in cui la Prima Guerra Mondiale era già terminata. Lo stesso è accaduto anche durante la Seconda Guerra Mondiale, ma anche in quel caso si tornò presto all’orario originario. Nel 1965, l’alternanza oraria tornò a campeggiare e prosegue fino ai giorni nostri.

Si tratta di un sistema adottato per consentire un netto risparmio dal punto di vista energetico e soprattutto economico. Maggiore è il numero di ore di luce a disposizione, superiore è il ritorno economico sia per le aziende che per i privati. Da cinque anni, lo spostamento delle lancette in avanti viene costantemente fissato all’ultima domenica di marzo, mentre l’unica domenica di ottobre è sempre dedicata al ritorno all’ora solare.

Nella notte del 27 marzo 2016 la gente dormirà un’ora in meno e vivrà più di qualche compenso psico-fisico in seguito al cambio ora legale. Lo stesso avviene ad ottobre con l’ora solare, seppur all’incontrario. Tuttavia, la gente preferirebbe convivere per tutto l’anno con l’ora legale e la conseguente abolizione di quella solare. È il risultato di un sondaggio indetto da Codacons, che sottolinea l’importanza per le persone di vivere giornate più lunghe.

Il prossimo 27 marzo 2016 sarà quindi il giorno del ritorno all’ora legale, con le lancette da spostare in avanti di un’ora. Ma prima si dovrà attendere l’evento inverso con l’introduzione dell’ora solare, che si è verificato proprio stanotte 25 ottobre 2015.