Il traguardo dei 30 anni si è definitivamente nell'età adulta

Il traguardo dei 30 anni può spaventare: si è definitivamente nell’età adulta, ma può diventare un’opportunità per riprendersi la propria vita. Ecco come. Nessuno arriva preparato ai 30 anni, ma spente le candeline sulla torta si è definitivamente nell’età adulta, si devono fare i conti con la vita, con le proprie responsabilità. Si ricapitolano le lezioni imparate e si riparte, sì, ma quali lezioni? Ecco tutto ciò che serve sapere su come vivere i 30 anni.

La prima lezione da imparare è che la vita non è un gioco, un quiz. Nessuno ha le risposte giuste ai vostri problemi e quindi non resta che impegnarsi da soli a risolverli.
A trent’anni il bilancio si fa anche sulle amicizie, alcune le avete perse nel tempo, di altre vi accorgete che sono legami “tossici” che rendono peggiore la vostra quotidianità e allora meglio liberarsi. A questo punto è anche arrivato il momento di essere se stessi e non il modello di figlio, fidanzato e amico che gli altri vogliono. Nessuno è perfetto e scoprirete che accettare la propria fallibilità può essere davvero entusiasmante.

Una volta che avrete accettato voi stessi ed i vostri difetti, poco importeranno le dicerie ed il gossip. Siete pronti a vivere la vostra vita.
Per vivere pienamente ciò che siete recuperate anche i progetti accantonati per seguire i consigli di mamma e papà. Insomma se proprio non volevate essere un avvocato, ma uno stilista, provateci, ma ricordate di prendere anche le responsabilità della scelta.

A trent’anni si riduce l’ansia del futuro: la vita è qua e ora, meglio pensare al presente ed evitare di vivere nel futuro. In poche parole è inutile comprare il vestito per quando dimagrirete. Se raggiunto il traguardo continuate a lamentarvi anche delle piccole cose come se fossero drammi, è arrivato il momento di un po’ di sana autoanalisi e autocritica, forse il problema è il vostro approccio.

Cercate di avere un approccio più sereno e leggero con gli altri e se temete che abbiano sempre cattive intenzioni, fate un passo indietro perché spesso i fantasmi sono solo nella propria testa. A trent’anni cambiano anche le cose che cercate in una relazione sentimentale e se vi manca qualcosa in essa, è il momento di rifletterci su. Insomma 30 anni sono l’età giusta per iniziare ad essere se stessi e liberarsi dei condizionamenti.

Il traguardo dei 30 anni: liberati di ciò che non ti piace e vivi la tua vita. ultima modifica: 2015-10-04T21:00:11+00:00 da Giovanni Iacomino Caputo
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !