Indennità di disoccupazione: chi ne ha diritto

A seguito del nuovo decreto attuativo del Jobs Act vengono previste delle misure molto più restrittive per poter rientrare tra i soggetti che hanno diritto all’assegno di disoccupazione: per poter usufruire dell’indennità Nasdi, Asdi o Dis-Coll è infatti necessario disporre di particolari e specifici requisiti. In particolare bisogna rientrare in uno dei tre status previsti appositamente dalla legge, quali status di disoccupazione, status di disoccupazione parziale e status di lavoratore a rischio disoccupazione. Nel caso non vengano rispettati tutti i requisiti previsti si perde automaticamente il diritto all’indennità di disoccupazione.

Analizzando i vari status, è possibile definire le principali differenze tra un caso e l’altro analizzando quando è possibile ricevere l’indennità di disoccupazione: chiaramente lo status di disoccupazione spetta a tutti coloro che perdono il proprio lavoro e si ritrovano dunque senza alcun impiego.

Lo status di disoccupazione parziale si riferisce a coloro che, nonostante abbiano un contratto di lavoro, guadagnino un importo inferiore a 8.154 euro all’anno: ancora, lo status si riferisce a coloro che sono assunti con un orario part-time inferiore al 70% ed anche a tutti i lavoratori che abbiano subito una riduzione dell’orario superiore al 50%. Per quanto riguarda lo status di lavoratore a rischio disoccupazione si riferisce a coloro che anche in caso di licenziamento si siano registrati sul sito delle politiche del lavoro durante il rapporto di lavoro: esempio classico è il periodo di preavviso.

Tutti i soggetti che rientrano in una delle categorie sopra elencate devono registrarsi sul sito dell’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL), ed attendere di essere contattati dal Centro per l’Impiego del proprio Comune. In questo modo sarà possibile verificare direttamente se una persona può o meno ricevere l’indennità di disoccupazione.

La ricezione dell’assegno di disoccupazione è subordinata a questa registrazione ed anche all’impegno da parte del soggetto che rientra negli status sopra indicati a cercare una nuova occupazione: è prevista la figura di un apposito responsabile che verifichi periodicamente le attività del disoccupato.