Lavoro, colf in gravidanza non possono essere licenziate

Le organizzazioni sindacali dei lavoratori hanno portato a termine la loro battaglia per il riconoscimento di determinati diritti. In caso di gravidanza, le colf non possono essere licenziate dai loro datori esattamente come qualsiasi altro dipendente, anche se usufruiscono di questa misura in forma ridotta.

Infatti, una badante può godere del cosiddetto scudo protettivo soltanto fino a tre mesi dopo la data effettiva del parto. Se la lavoratrice si è affidata alla maternità flessibile e ha deciso di svolgere le sue funzioni fino ad un mese prima della gravidanza, la misura è valida per quattro mesi.

Ogni tipo di licenziamento risulta quindi nulla nell’arco di tempo citato. Secondo però quanto affermato dall’associazione dei datori di lavoro, le condizioni delle colf non sono equiparabili a quelle di ogni altra dipendente. Per questo motivo, la normativa contrattuale subisce alcune differenze rispetto alla prassi.

Se una colf è incinta, a partire dal 1 luglio non può accedere al contratto collettivo del lavoro se non è stata assunta prima di questa data. Se viene effettuato un licenziamento nel periodo successivo, quest’ultimo si annulla e la donna può tornare regolarmente a lavorare, senza che il capo possa esonerarla in alcun modo.

La misura è valida anche nel caso in cui la colf ha presentato le dimissioni, dato che potrebbero essere state imposte dal datore di lavoro. È necessaria la convalida da parte del Ministero del Lavoro. La tutela protegge anche il padre lavoratore in caso di un improvviso decesso o malattia della madre, o quando il figlio è stato affidato in maniera esclusiva al genitore di sesso maschile, per qualsiasi motivazione.

L’eccezione che conferma la regola è rappresentata dal licenziamento per giusta causa, derivante da una mancanza piuttosto grave da parte della badante che non consente alcun tipo di prosecuzione del rapporto lavorativo.

Le colf e le badanti in attesa di gravidanza possono così usufruire di diritti piuttosto simili a quelli di qualsiasi altra lavoratrice nello stesso stato.

Le colf in dolce attesa non possono essere licenziate ultima modifica: 2015-09-12T12:00:38+00:00 da Carmine Picariello
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !