Dal presunto flirt con Corona alle foto per Playboy: le Donatella scatenate!
Le Donatella, la bruna Silvia e la bionda Giulia

Non smettono di stupire e per certi versi anche di scandalizzare Giulia e Silvia Provvedi, in arte Le Donatella. Un paio di settimane fa, la brunetta, Silvia, era finita su “Chi” – il settimanale del sempre ben informato Alfonso Signorini – per via del presunto flirt con l’ex paparazzo dei vip Fabrizio Corona, che la ragazza era andata a trovare presso la comunità di Don Mazzi, a Milano, dove sta scontando la pena residua dopo aver lasciato il carcere di Opera. I due erano stati avvistati in atteggiamenti dolci e complici, seppur non propriamente intimi, e le foto avevano dato da pensare a molti.

La tempestiva replica con smentita di ambo le parti non è tardata ad arrivare (per Corona ha parlato il legale), anche se Silvia in realtà ha sottolineato che “per adesso” non è il suo fidanzato, e che qualora lo fosse lo direbbe. Nel frattempo, però, la bella brunetta e la sua sorellina tutto pepe hanno approfittato della nuova ondata di popolarità regalata loro dalla vittoria dell’Isola dei Famosi e dal gossip per accettare l’offerta di posare nude niente meno che per uno dei mensili maschili più venduti al mondo, ovvero Playboy, che questo mese dedica loro la copertina. E qualche ora fa, sul loro profilo Instagram, Silvia e Donatella hanno postato proprio la copertina – che le vede entrambe nude, Giulia in piedi e Silvia china, in ginocchio, con la testa tra le sue gambe – e il backstage di un servizio fotografico bollente, destinato a far discutere.

Che sia una trovata pubblicitaria di Corona, visto che Silvia e Giulia a quanto pare hanno a che fare con lui per motivi professionali? Non è dato saperlo, ma quel che è certo è che anche le foto del backstage non lasciano proprio nulla all’immaginazione! “Today is the day”, hanno scritto le due gemelline sui social, invitando tutti i loro fans a seguirle sul sito nastydonaz.com, dove pubblicheranno per intero i restanti scatti da backstage, quelli che probabilmente Instagram e Facebook censurerebbero.