Oneri deducibili e detraibili: differenze ed elenco spese per la dichiarazione dei redditi 2015

Oneri deducibili ed detraibili sono un’importante voce della dichiarazione dei redditi 2015 perché vanno ad incidere sulla base imponibile e sull’ammontare delle imposte da versare. Coniuge a carico, figli, spese sanitarie e assicurative, fondi pensione, beneficenza, sono solo alcune delle voci da considerare. Ecco tutte le differenze e i benefici fiscali relativi a tale tipi di imposte.

Le deduzioni si applicano sui redditi e portano una diminuzione della base imponibile ed indirettamente delle imposte. Le detrazioni, ossia gli oneri detraibili, devono essere sottratte dalle imposte da versare e quindi portano ad una riduzione diretta del tributo.
L’elenco delle detrazioni prevede importanti sgravi per il coniuge a carico e per i figli naturali, adottivi o legittimi.

L’ammontare della detrazione per il coniuge varia in base alla propria dichiarazione del reddito, mentre per i figli varia in base all’età: fino a 3 anni l’ammontare è di 1220 euro a figlio, oltre i 3 anni è di 950 euro.
Se il figlio è affetto da handicap la detrazione è aumentata per un ammontare pari a 200-400 euro. Oltre i 95.000 euro di reddito non si applicano tali misure.

Tra le spese detraibili vi sono quelle assicurative per le polizze che coprono il rischio di morte o invalidità, queste sono detraibili per un ammontare pari al 19% del premio versato.
Sono detraibili le spese sostenute per le erogazioni liberali in misura del 65% per il sostegno ad attività culturali e del 26% per il sostegno a partiti politici.
Più ampio ed articolato è l’elenco delle spese deducibili, rientrano in questo caso le spese per il ticket sanitario, spese di assistenza e ricovero disabili.

Rientrano tra gli oneri deducibili anche i contributi previdenziali ed assistenziali, sia obbligatori, sia volontari come ad esempio l’adesione a fondi pensionistici.
Possono essere dedotte anche le spese per il riscatto della laurea e quelle sostenute per la ricongiunzione dei contributi.
Tra gli oneri deducibili deve inoltre essere ricordato anche l’assegno di mantenimento per il coniuge.

Concorrono alla determinazione della base imponibile, e sono quindi deducibili, anche le spese funebri fino ad un ammontare di 1.549,37 euro, 1000 euro invece possono essere dedotti per le spese di intermediazione immobiliare. Infine benefici fiscali vi sono anche per gli interessi pagati su mutui e prestiti.

Queste sono le principali differenze tra oneri deducibili e detraibili e vi abbiamo mostrato anche quali sono le diverse spese da affrontare in base alla propria dichiarazione dei redditi 2015.