Maternità inps: ecco come richiederla e come funziona

La maternità Inps comporta una serie di agevolazioni per tutte le lavoratrici che restano incinta durante il periodo lavorativo. Per ottenere questi benefici è necessario tenere a mente come viene disciplinato questo settore e come occorre comportarsi. Questi vantaggi riguardano sia la gravidanza che il periodo successivo alla nascita del bambino. Ecco come richiederla e come funziona nel dettaglio.

La maternità Inps viene riservata a tutte quelle lavoratrici per offrire loro una maggiore tutela e delle garanzie economiche nel momento in cui, per cause del tutto naturali, non sono in grado di continuare a lavorare quotidianamente per non compromettere la salute del nascituro e la propria. Durante tutto questo periodo la donna non può subire licenziamenti se non per motivi gravi.

La maternità Inps comporta una retribuzione sostitutiva al salario fino a che non diventa nuovamente in grado di assolvere ai suoi compiti o alle mansioni. Ogni mese percepisce circa l’80% del salario. Secondo una recente normativa ci si può avvalere della maternità un mese prima della nascita e poi ritardare il rientro di quattro mesi in più dopo.

La domanda per usufruire della maternità Inps deve essere presentata all’istituto entro i 6 mesi antecedenti la nascita. Hanno diritto anche coloro che hanno adottato un bambino o che siano straniere e il figlio sia nato in Italia. L’assegno dello Stato spetta anche a tutte coloro che si sono dimesse in maniera volontaria dal lavoro e che abbiano esercitato per almeno 3 mesi in un periodo compreso dai 18 ai 9 mesi prima della nascita.

Si tratta di un regolamento che non è stato introdotto dalla legge ma da un contratto collettivo proprio per evitare eventuali abusi di datori di lavoro che consideravano la gravidanza come un giustificato motivo per licenziare. In questo caso la donna, dopo aver partorito, può essere reinserita nel suo ambiente lavorativo senza che vi siano delle conseguenze spiacevoli o discriminatorie legato al suo stato.