Tassa tasi: il 16 dicembre 2015 termine per versare il saldo

Per sapere quanto dovrete versare a saldo per la tassa TASI (sui Servzi Indivisibili) occorre avere a disposizione la rendita catastale del proprio immobile, l’aliquota deliberata dal Comune e l’importo di quanto versato a titolo di acconto a giugno. Se avete a disposizione questi dati sarà semplicissimo effettuare il saldo prima della scadenza prevista il 16 Dicembre 2015.

Calcolare a quanto ammonta la tassa TASI non è un procedimento molto semplice. Innanzitutto iniziate prendendo la rendita catastale dell’immobile e moltiplicatela per 1,05. Avrete così la vostra rendita rivalutata. L’importo così ottenuto dovrà successivamente essere moltiplicato per il coefficiente previsto per quel tipo di immobile. Se si tratta di abitazione o pertinenza il coefficiente è 160, per gli uffici è 80 e per i negozi 55.

Il risultato ottenuto costituisce la base imponibile per calcolare la tassa TASI. Quest’importo dovrà essere moltiplicato per l’aliquota deliberata dal Comune per ottenere l’imposta lorda. A questo punto dovrete sottrarre eventuali detrazioni a cui avete diritto, come ad esempio quella riguardante i figli a carico oppure una abitazione principale. Anche le detrazioni vengono deliberate dai Comuni e possono variare da un luogo all’altro. Sul sito di ogni Comune e presso gli Uffici Comunali sono disponibili i vari importi e le istruzioni sulla applicazione delle detrazioni. Alcuni Comuni prevedono agevolazioni anche in base al reddito ISEE.

Dall’imposta lorda dovrete detrarre, oltre alle detrazioni, anche la somma già versata a giugno a titolo di acconto. Avrete così la tassa netta da versare con modello F24 oppure con apposito bollettino postale Tasi sul c/c n. 1017381649 su cui dovrete indicare la causale di pagamento “saldo TASI 2015”.

Il Modello F24 offre maggiori vantaggi per il pagamento della tassa TASI. Nessuna commissione da pagare e la possibilità di usufruire di crediti vantati con le varie Amministrazioni ed Enti.