Agevolazioni casa: ecco come richiederle sia per la prima che la seconda

Molti credono che ottenere agevolazioni casa sia una cosa difficilissima se non impossibile. Non è così. In realtà le leggi che regolano questo tipo di acquisto ci sono e sono molto chiare, basta informarsi e vedere nel dettaglio i requisiti richiesti per ottenere le agevolazioni, inoltre bisogna ricordare che agevolazioni interessanti possono esserci anche per l’acquisto delle seconde case.

Come comprare una casa e a quali cose fare attenzione

Comprare una casa richiede parecchia attenzione, bisogna non solo controllare se l’immobile sia agibile e abitabile o se è di nostro gradimento e può presentare tutte le caratteristiche che ci permetteranno di vivere comodamente e in serenità, dobbiamo anche fare attenzione alla presenza di ipoteche su quel dato immobile per evitare di cadere in qualche truffa, che il costruttore non sia in rischio di bancarotta,ecc .Poi bisogna controllare se abbiamo tutti i requisiti richiesti dalla legge per poter usufruire delle varie agevolazioni casa sull’acquisto.

Agevolazioni casa: ecco i benefici per l’acquisto

Le imposte da pagare per l’acquisto di una casa sono diverse a seconda che si compri da un privato o da un’impresa e questa distinzione va ad incidere ovviamente anche per le relative agevolazioni. Comprando da un privato si può ottenere l’imposta di registro al 2% per le abitazioni non di lusso, l’imposta ipotecaria fissa a 50 euro e la catastale anch’essa fissa a 50 euro. Con le imprese si può ottenere l’iva al 4% e le imposte ipotecaria, catastale e di registro alla quota fissa di 200 euro.

Condizioni per ottenere i benefici sulla prima casa

I requisti che è necessario avere per ottenere i benefici nell’acquisto di una prima casa sono che l’abitazione non sia di lusso, che l’immobile abbia destinazione abitativa ed entro 18 mesi dalla richiesta di agevolazione il beneficiario deve provvedere a registrare la propria residenza in in quel determinato immobile altrimenti la richiesta del beneficio verrà considerata nulla. Il beneficiario inoltre non devono possedere altri immobili nello stesso comune per i quali hanno già richiesto le agevolazioni per la casa e non devono possedere in comunità di beni con il coniuge una casa comprata con agevolazioni. La richiesta può essere fatta invece se si possiede una casa acquistata in precedenza senza alcun beneficio anche se nello stesso comune, se ne ha beneficiato solo un coniuge l’altro, che non è in comunione di beni, potrà chiedere per se e relativamente alla propria quota, il beneficio per la prima casa.

Anche per le seconde case possono essere richiesti benefici del genere ( a volte si pensa erroneamente che siano solo appannaggio delle prime case) usufruendo della detrazione del 50% sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio, in questo caso la legge non richiede che l’abitazione in questione sia l’effettiva residenza del beneficiario; oppure si può chiedere il bonus del 65% di sconto su interventi di riqualificazione energetica dell’edificio che riguarda anche seconde case e addirittura case al mare sfitte.

Agevolazioni casa: ecco come richiederle sia per la prima che la seconda ultima modifica: 2015-10-31T09:00:04+00:00 da Carmine Picariello