Tasse: addio all'IMU e alla TASI per la prima casa

Le tasse più odiate dagli italiani, l’IMU e la TASI sulla prima casa, dovrebbero avere le ore contate, almeno così è stato annunciato in questi giorni dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi. Il governo è ben cosciente, infatti, di quanto queste imposte siano disprezzate e temute dagli italiani, soprattutto dagli anziani che, dopo anni di lavoro e sacrifici, sono riusciti ad avere una casa di proprietà e si vedono costretti a fare i salti mortali per pagarle, ma anche da chi ha già un mutuo alle spalle ed alla rata deve aggiungere le ulteriori spese di queste due tasse.

L’IMU quindi va in pensione dopo aver sostituito l’ICI quando alla Presidenza del Consiglio c’era Mario Monti e dopo essere stata inglobata nella IUC. C’è da dire che l’IMU sulla prima casa, proprio con l’introduzione della IUC, era stata già abolita e sostituta dalla TASI, novità introdotta dal Governo Letta. Allo stato attuale infatti la IUC si componeva di tre imposte distinte: l’IMU (dovuta su tutti gli immobili eccezion fatta per la prima casa), la TASI e la TARI (dovute su tutti gli immobili).

Renzi ha dunque promesso di alleggerire questa tassazione gravosa e confusionaria. Secondo il Presidente del Consiglio, già dal 2016, dovrà essere eliminata l’attuale TASI, almeno sulla prima casa. Stesso futuro, non si sa ancora quanto prossimo, toccherà all’IMU.

Di certo è che il Governo sta lavorando anche per riorganizzare tutto il panorama delle imposte sugli immobili. Molto probabilmente questo impegno porterà ad eliminare tutte le attuali IUC, IMU, TASI e TARI, per sostituirle con un’unica imposta che, secondo fonti di Palazzo Chigi, dovrebbe chiamarsi LOCAL TAX.

Le associazioni dei consumatori sono già sul piede di guerra perché il timore è che al di là del nome non cambi nulla e non ci siano reali vantaggi rispetto all’attuale tassazione. Ci sono anche dei dubbi avanzati dall’ANCI, chiamata in causa perché i Comuni sono gli enti che riscuotono queste imposte, sul fatto che la LOCAL TAX, oltre alle altre tasse, possa assimilare anche la TARI che non è propriamente una tassa ma è un tributo, viene cioè pagata a fronte della erogazione di un servizio.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !