Riforma pensioni 2017, news al 18-10-2016: i risultati del Consiglio dei Ministri
Cesare Damiano

Le ultime news sulla riforma pensioni 2017 arrivano da Cesare Damiano che ha ripercorso i risultati raggiunti dal Consiglio dei ministri e che rientreranno nella prossima legge di Bilancio 2017 e i nodi critici ancora da risolvere. Tra questi quota 41, esodati ed opzione donna, ma andiamo a scoprire nel dettaglio le sue parole.

Riforma pensioni 2017, news al 18-10-2016: siamo sulla buona strada

“Le novità emerse dopo il Consiglio dei ministri, per quanto riguarda la legge di Bilancio, vanno nella giusta direzione”. Lo dichiara Cesare Damiano del Pd e poi prosegue per quanto concerne il tema della previdenza abbiamo apprezzato l’innalzamento del tetto della pensione lorda mensile, portato da 1.350 a 1.500 euro (soglia all’interno della quale chi usufruirà dell’Ape agevolata avrà zero penalizzazioni).

Bisogna, inoltre, definire meglio i lavori gravosi per ricoprendere tanti più quarantunisti, la quota 41 non sarà universale, ma dalla platea di quanti potranno essere ricompresi nei nuovi mestieri definiti tali dipenderà il futuro di molti lavoratori.

Riforma pensioni 2017, news al 18-10-2016: APE social troppi anni di contributi

Il problema sorge, precisa Damiano, sugli anni di contributi necessari per poter accedere all’APE social, il requisito dei 30 se lavoratore disoccupato e 36 se attivo, é troppo stringente. E’ importante che per accedere all’Ape Social si possano almeno contabilizzare, ai fini del diritto pensionistico, gli anni di disoccupazione (edili) e di Naspi.

Riforma pensioni 2017, news al 18-10-2016: le ultime su esodati e opzione donna

“Le risorse nel Fondo esodati ci sono e non sarebbe ammissibile che fossero dirottate per altri obiettivi”, sentenzia Damiano. “Infine, lo stesso discorso vale per Opzione Donna. Aspettiamo di vedere il consuntivo dei risparmi che derivano dall’applicazione della normativa”.

“Questi a nostro avviso saranno significativi e dovranno essere utilizzati al fine di prolungare la sperimentazione. Non accetteremo soluzioni al ribasso”, ha aggiunto Cesare Damiano, “in caso contrario ripartiranno le mobilitazioni democratiche al fine di far applicare la legge.”

Terminano qui le news sul tema delle pensioni ma continueremo ad aggiornarvi con i prossimi aggiornamenti a riguardo.