Pensionamenti anticipati

Secondo quanto trapela da Palazzo Chigi, il Governo esecutivo starebbe pensando a nuove idee sulla riforma delle pensioni. Si parla di un possibile pensionamento anticipato, anche se le voci in merito non sono sufficientemente precise. Il dialogo nel Governo prosegue. Vediamo quali sono le misure che Renzi e i suoi ministri avrebbero intenzione da adottare.

Innanzitutto, esiste la possibilità di un pensionamento in anticipo per chi ha un età di 62-63 anni, con contributi di almeno 30-35 anni, penalizzazioni del 3-4 per cento e un massimo del 10-12 per cento nel periodo che occorre per raggiungere 66 anni. I dati sono orientativi, ma rendono bene l’idea sulle intenzioni del nostro Governo.

Non si sa ancora quali saranno i termini di questo particolare meccanismo. Potrebbe essere creato soltanto per le donne e per i disoccupati senza alcun ammortizzatore sociale, così come potrebbe essere adottato per tutti. I centristi vorrebbero più flessibilità per quanto riguarda i contributi volontari e la loro valorizzazione.

Il Presidente della Commissione del Lavoro del Senato Maurizio Sacconi è il maggior sostenitore della misura dei contributi volontari. Lo scopo è condurre i lavoratori più facilmente verso la pensione, senza creare danni economici allo stato. Non si sa se le varie misure saranno eseguite in due tempi, con una manovra più rapida per donne ed esodati e una Delega un po’ più avanti.

Il Governo sta anche cercando di fronteggiare la povertà utilizzando il Sia non solo per il Sud, ma anche per tutto il resto dell’Italia. Si tratta di un fondo di sostegno che in questo caso sarebbe adoperato per aiutare le famiglie estremamente povere nelle quali vi sono figli minorenni.

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti invita alla calma e non vuole che vengano diffuse aspettative infondate, per non provocare delusioni. Bisogna essere flessibili e al tempo stesso tenere sotto controllo il bilancio dello Stato, sorvegliato anche dall’Unione Europea. Il cammino verso una legge in materia di flessibilità in uscita è ancora lungo, ma nel Governo italiano la discussione va avanti.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !