Ecco qualche consiglio per arredare la cameretta per il proprio bambino

Quando una donna è in gravidanza è opportuno cominciare a pensare a come arredare la cameretta del bambino/a che nascerà: questo spesso libera la fantasia e la creatività delle neo-mamme che potrebbero dimenticare che il figlio non sarà per sempre piccolo, ma che crescerà e l’ambiente circostante dovrà accompagnarlo ed essere adatto alle sue esigenze. Per non sbagliare si può chiedere una consulenza da un arredatore di professione, mentre se vi piace fare da soli ecco qui qualche consiglio utile e qualche dritta da seguire.

Come iniziare ad arredare? Scegliendo mobili sicuri, l’illuminazione, il pavimento, la biancheria, la pittura per le pareti, le tende, un letto e un armadio comodi e versatili. La stanza dovrà riflettere le caratteristiche di sicurezza, comodità e versatilità: è opportuno scegliere materiali anallergici e non tossici, come il legno che risulta essere il candidato perfetto per i mobili e il cotone per i tessuti.

Partite dalla scelta della mobilia essenziale e mano a mano arricchite l’ambiente con dei complementi d’arredo: prendete in considerazione mobili con angoli più smussati che non saranno troppo pericolosi dal momento che il bambino comincerà a muovere i primi passi; preferite oggetti che non si rompano con facilità, aggiungete un tocco di colore alle pareti con tecniche speciali, avvolgete il materasso in un piumone divertente e create un luogo accogliente e sicuro per giocare. Non dimenticate mai che il tutto dovrà essere a prova di bambino!

Partendo dai piani bassi, un fattore da tenere in considerazione è il caldo, che rende la cameretta sempre accogliente e che si ottiene facilmente scegliendo un parquet come pavimento. Tuttavia ci sono altre soluzioni, ognuna con i suoi pro e contro: pavimento in resina, in sughero o la moquette, accogliente ma con delle criticità per quanto concerne la pulizia.
Le pareti possono essere decorate con degli stickers non permanenti, e dare sfogo alla creatività: l’importante è scegliere colori luminosi che trasmettano serenità ed evitare tutto ciò che è scuro. Letto e armadio vanno scelti in base a gusti e comodità, insieme ad altri accessori come delle ceste in cui poter facilmente riporre i giochi.

Le luci saranno molto importanti visto che la maggior parte dei bambini hanno paura del buio: un abat jour sul comodino, una lampada da terra e una luce notturna che gli dia sicurezza. Pensate sempre alla sua incolumità, quindi optate per lampade robuste e non fragili che possano rompersi e ferirlo; inoltre sono preferibili lampade al LED che non bruciano come le alogene.
Come tocco finale curate il lato tessile dell’atmosfera: quindi biancheria, piumone, lenzuola colorate e con fantasie adatte al bambino. Ultima dritta: rifinite la stanza scegliendo un tappeto che completerà l’ambiente e sarà un morbido e sicuro luogo sul quale poter giocare.

Bisogna tener conto che il bambino crescerà e come tale svilupperà diverse necessità, non strettamente legate al colore delle pareti o degli arredamenti, ma attinenti ad ogni diversa fase che attraverserà, dal gioco allo studio: quindi per quanto la scelta del letto, l’armadio, la pittura per le pareti, le tende, possa essere divertente, richiede una particolare attenzione perché il luogo che stiamo per arredare dovrà crescere insieme a nostro figlio ed essere adatto ad ogni età che vivrà.

Arredare la cameretta per il proprio bambino: qualche consiglio per iniziare ultima modifica: 2015-10-06T06:00:23+00:00 da Ottavia Levantesi
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !