Imparare ad interpretare il pianto dei bambini

Essere mamma significa anche e soprattutto imparare presto a riconoscere tutte le diverse sfumature per poter rispondere ai bisogni del proprio bambino in maniera adeguata. All’inizio può sembrare un’impresa piuttosto complessa, ma con la pratica qualsiasi mamma impara presto ad individuare i motivi che stanno all’origine dei pianti de proprio bambino: quando il piccolo ha fame, è sporco o soffre per le coliche.

Quando il bambino piange emettendo degli strilli particolarmente acuti e che si manifestano all’improvviso il problema risiede generalmente in un dolore fisico. Probabilmente il piccolo ha le coliche e il pancino gli fa male. Un pianto meno forte è quello che caratterizza il momento in cui il bimbo, sentendosi sporco, cerca di comunicarlo alla madre. Il pianto potrebbe proseguire anche durante il cambio pannolino dal momento che il piccolo avrà freddo.

Il pianto dovuto alla fame si manifesta solitamente poco prima dell’orario in cui abitualmente il piccolo viene nutrito. Se il bimbo piange poco prima del momento della poppata si può essere certi che è il pianto che comunica alla mamma che il bimbo ha fame. Questo pianto inoltre tende a calare e svanire del tutto con la poppata, un indizio in più che conferma che all’origine del lamento vi era proprio la fame.

Se il neonato inizia a piangere in un momento in cui tutte le sue esigenze materiali sono state soddisfatte, quali la poppata, il cambio pannolino, allora potrebbe trattarsi di un desiderio del piccolo di stare attaccato alla mamma. In questo caso sarà sufficiente prendere in braccio il bambino e coccolarlo un po’ per vedere che si rasserena immediatamente, confermando che ciò di cui aveva bisogno era l’affetto della mamma.

Inoltre, se esposto a fonti luminose e a rumori particolarmente fastidiosi, potrebbe reagire piangendo. Non bisogna infatti dimenticare che per nove mesi è vissuto in un ambiente calmo e sereno.

Essere mamma significa dunque anche imparare a riconoscere i bisogni del proprio bambino attraverso il pianto che emette, anche se potrebbe sembrare inizialmente difficile, è una capacità che tutte le mamme possono acquisire nel tempo.

Essere mamma: come riconoscere i pianti del bambino e intervenire in suo aiuto ultima modifica: 2015-10-08T08:00:18+00:00 da Giovanni Iacomino Caputo
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !