Le tre regole principali per truccare gli occhi piccoli

 

Truccare gli occhi piccoli è molto semplice, se lo si fa nella maniera giusta, evitando di enfatizzare quello che in molti considerano un difetto e puntando invece su colore e taglio dell’occhio. Effettivamente, secondo i canoni estetici tradizionali, i più belli sono gli occhi grandi, soprattutto quelli chiari e dalla forma seducente; ma ogni occhio possiede i propri punti di forza da mettere in risalto grazie al trucco, e non è detto che avere gli occhi piccoli sia sempre un male: basti pensare a donne come la show-girl Michelle Hunziker o la cantante Ornella Vanoni, che hanno fatto di questo difetto uno dei loro punti di forza, il tratto caratteristico di volti molto particolari, che pur non rispettando i canoni classici non passano certo inosservati… anzi!

Come fare dunque per truccare un occhio piccolo senza renderlo ancora più piccolo, bensì mettendone in risalto forma e colori? Quelle che stiamo per darvi sono indicazioni generali valide un po’ per tutti i tipi di make-up, che si possono dunque adattare senza problemi al proprio stile, senza ritrovarsi costrette ad adottare sempre un solo tipo di trucco solo perché lo si ritiene più adatto a minimizzare i difetti del proprio viso.

Tendenzialmente, per ottenere un effetto correttivo dell’occhio piccolo, è necessario come prima cosa evitare i tratti netti, sia per quanto riguarda le matite, sia per quanto riguarda l’eye-liner, che andrebbe evitato. Per quanto riguarda la matita, invece, che sia nera o marrone, il suo tratto va sfumato con un apposito pennellino, così da risultare meno netto: questo perché i trucchi ben sfumati, poco definiti, hanno come effetto ottico proprio quello di ingrandire l’occhio in maniera discreta ed estremamente naturale. Per rendersene conto, è sufficiente truccare un solo occhio: la differenza con quello struccato apparirà abissale! Un’altra regola fondamentale per evitare di rimpicciolire l’occhio è quella di non applicare mai la matita nella rima ciliare interna, ma solo in quella esterna: questo perché – sebbene applicata all’interno la matita nera (chiamata kajal) regali profondità allo sguardo – l’effetto ottico è quello di far apparire l’occhio più piccolo e più infossato.