Anna Tatangelo testimonial LILT: la foto non piace e infuriano le polemiche
Anna Tatangelo testimonial LILT

Secondo gran parte del web, questa volta la LILT, la Lega Italiana per la Lotta contro il Tumore alla mammella, uno dei più insidiosi e diffusi tra la popolazione femminile, ha segnato un clamoroso autogol con una campagna pubblicitaria di sensibilizzazione che non solo non piace, ma addirittura indigna. E non tanto per la testimonial, la cantante Anna Tatangelo, che non è certo la prima donna famosa a schierarsi a favore della ricerca e della sperimentazione, prestando il proprio volto per una battaglia decisamente; no, a dividere, ad accendere le polemiche e a far discutere è proprio la foto della campagna, quella che trovate in allegato all’articolo e che mostra la bellissima Anna – fisico scultoreo, seno prorompente che occhieggia, malizioso, sopra le mani della cantante chiuse su di esso – in una posa che secondo alcuni sembra presa direttamente dall’immaginario “soft porno” così in voga sui media, in televisione e nel mondo della pubblicità.

Ma davvero la foto di questa donna giovane e perfetta, decisamente sensuale e maliziosa, è adatta per una pubblicità del genere?, si chiedono in molti, donne e uomini (soprattutto le prime, va da sé). Davvero donne malate, spesso fragili e insicure, di certo fisicamente imperfette come qualsiasi donna non possa contare sull’aiuto del chirurgo e di Photoshop, così vulnerabili perché colpite da un male che ne mina l’animo, colpendo anche la fisicità, possono sentirsi rappresentate da un’immagine così maliziosa e – per quello che ci riguarda – di cattivo gusto per rappresentare la causa? Senza contare che, come fa notare qualcuno sulla pagina Facebook della LILT (in queste ore letteralmente presa d’assalto dai commenti e dalle critiche), la campagna di sensibilizzazione dovrebbe essere rivolta alle donne, e invece sembra fare presa sugli uomini: gli sguardi che attrae sono quelli degli uomini, non certo quelli delle donne che per essere sensibilizzate ai controlli al seno e alla realtà di questa malattia avrebbero bisogno di ben altre immagini. Senza nulla togliere ad Anna Tatangelo, chiaramente.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !