Napoli è una meta che ha molto da offrire sul fronte culturale – e non si tratta “solo” di musei, chiese e palazzi. Dal punto di vista storico, infatti, una delle sue attrattive più interessanti è la cosiddetta “Napoli sotterranea”, una vera e propria città che si sviluppa nel sottosuolo cittadino. Questo complesso di tunnel e cunicoli, che percorrono buona parte dell’area urbana del capoluogo campano, a circa quaranta metri di profondità, è considerato una delle più importanti testimonianze archeologiche del territorio campano.

vacanze-napoli

 

L’area racchiude gli ambienti ricavati tra il V e il VI secolo a.C. dai Greci, che utilizzarono le rocce tufacee presenti nel sottosuolo per gettare le basi della città. Le cavità ottenute vennero trasformate in ipogei funerari, che sono riusciti a preservare, nel tempo, diversi tipi di reperti di notevole importanza. Tra gli esemplari più rilevanti, figurano diverse incisioni e graffiti, che riprendono quelle altrettanto antiche della cinta muraria di Piazza Bellini e Via Foria. La Napoli Sotterranea racchiude anche un immenso patrimonio di epoca romana, costituito dal percorso di acquedotti, cave, cisterne e catacombe, nonché dalle importanti gallerie della Grotta di Cocceio e della Grotta di Seiano. Di particolare rilevanza sono i resti del famoso Teatro Romano di Neapolis, ubicato nell’area compresa tra via Anticaglia, via San Paolo e vico Giganti. Il teatro è legato alla figura di Nerone e vanta celebri menzioni storiche, come quella negli “Annales” di Tacito e nelle “Epistulae Morales ad Lucilium” di Seneca.

Gli spazi della Napoli Sotterranea acquisirono una rilevanza ancora maggiore durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale, quando vennero utilizzati come rifugio strategico per i civili, salvando migliaia di vite umane. Oggi, grazie all’attento lavoro degli speleologi, è possibile visitare questi luoghi ricchi di storia, attraverso diversi punti di accesso che collegano la rete sotterranea con il suolo cittadino. L’ingresso principale è quello ubicato in Piazza San Gaetano, che si trova nel decumano maggiore della città, in pieno centro storico. Dunque, per chi è intenzionato a visitare la Napoli Sotterranea, sarebbe ideale alloggiare in centro, su siti come il nostro Expedia.it, ad esempio, è possibile consultare istantaneamente la disponibilità degli hotel. Se non si dovesse trovare una soluzione abitativa nelle immediate vicinanze dell’area archeologica, si può contare sulla rete di trasporti pubblica locale, che consente di raggiungere facilmente la zona. La soluzione più comoda è prendere la Linea 1 della Metropolitana, in direzione “Piscinola”, e scendere alla fermata “Dante”, ubicata a pochi minuti a piedi dal luogo d’interesse.

 

 

Alla scoperta della Napoli Sotterranea ultima modifica: 2014-04-09T09:58:56+00:00 da Redazione Blogitaliano
CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !