Somma Vesuviana muore un diciottenne in scooter

Grave lutto a Somma Vesuviana (Napoli): nel primo pomeriggio di venerdì 23 ottobre 2015 uno scontro tra uno scooter Yamaha e una Fiat Panda è costato la vita al diciottenne Antonio Manzo, che viaggiava come passeggero. All’origine dell’incidente ci sarebbe un sorpasso, forse azzardato, da parte del motociclo a una Fiat Panda. Polemiche da parte dei cittadini e del sindaco Piccolo sulla sicurezza della strada dell’incidente, via Circumvallazione.

Ancora un’incidente mortale nel napoletano: l’ultima vittima della strada è il giovanissimo Antonio Manzo, studente diciottenne al quinto anno presso il liceo scientifico Torricelli.
Il giovane – che nella sua foto profilo sul social network Facebook appare vestito con un elegante smoking mentre sorride abbracciato dalla sua fidanzata nel giorno del suo ultimo compleanno – è spirato nel primo pomeriggio di venerdì 23 ottobre 2015 a Somma Vesuviana.

L’incidente stradale è avvenuto all’incrocio tra via Marina e via Circumvallazione, in un tratto di strada che i residenti reputano particolarmente pericoloso. Antonio viaggiava come passeggero su di uno scooter Yamaha, guidato da un amico, uscito miracolosamente illeso dal tragico scontro. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione locale, al comando del maresciallo Semprevivo, il motoveicolo avrebbe sorpassato una Fiat Panda ma, per cause ancora da determinare, avrebbero urtato la vettura.

Il conducente dello scooter, sbilanciato per l’urto, avrebbe quindi perso il controllo del mezzo, andando a scontrarsi frontalmente con una Fiat Panda, che circolava sulla corsia opposta della carreggiata. L’impatto, violentissimo, ha sbalzato i giovani sul marciapiede: per una tragica fatalità, Antonio Manzo ha perso la vita sul colpo a causa dell’impatto con il suolo, mentre l’amico ha riportato solamente gravi contusioni ed è miracolosamente sopravvissuto.

Nonostante entrambi i motociclisti indossassero il casco, Antonio Manzo è morto sul colpo: i sanitari del 118, giunti in breve sul luogo dell’incidente, non hanno potuto far altro che constatare il decesso del giovane. Il sindaco del comune campano, Pasquale Piccolo, ha espresso il suo cordoglio per la morte del giovane, polemizzando con l’ente gestore della strada e sottolineando che questa risale agli anni Sessanta ed è necessario procedere quanto prima ad un lavoro di rinnovamento per evitare nuove vittime.