Terribile incidente aereo in cui non ci sono sopravvissuti avvenuto in Egitto. Non si registrano sopravvissuti, mentre erano 224 i passeggeri a bordo L’Airbus A-321 della compagnia low cost russa. L’Isis rivendica l’accaduto, ma l’aereo volava a un’altitudine che non permetteva di poter essere abbattuto dai jihadisti.

Gravissimo incidente aereo russo precipitato in Egitto, si parla di 224 morti

Non ci sono sopravvissuti nel disastroso incidente dell’aereo russo, che è precipitato nel Sinai centrale, in Egitto. l funzionari egiziani insieme ai soccorritori rivelano di aver sentito delle voci. Erano 224 le persone a bordo L’Airbus A-321, che faceva parte della compagnia low cost russa Metrojet. L‘aereo russo era decollato da Sharm el-Sheikh ed era diretto a San Pietroburgo. sembra che la zona, in cui è precipitato, l’esercito egiziano stia combattendo l’Isis.

Fonti attendibili della sicurezza egiziana dichiarano invece che il motivo e la causa del disastro c’è “un guasto tecnico” e si esclude “un atto terroristico”. Il gruppo fondamentalista egiziano che è legato all’Isis ed opera attivamente nella penisola del Sinai ha rivendicato l’abbattimento dell’Airbus 321 con un comunicato e un video. “I soldati del ‘califfato’ sono riusciti ad abbattere un aereo russo nel Sinai”, riporta una dichiarazione, che circola sui siti jihadisti. L’aereo stava volando ad un’altitudine, da non potere permettere l’ abbattimento dai jihadisti, oltre 10.000 metri di altezza.

Video che rivendica l’attentato all’aereo russo “è stato chiaramente fabbricato”

Il video, che è stato diffuso per “dimostrare” che i guerriglieri dell’Isis sono i reali attentatori dell’aereo russo “è stato chiaramente fabbricato”, si dichiara. “Per abbattere un aereo a quell’altezza i jihadisti dovrebbero avere armi sofisticate che certamente non hanno”. In un comunicato che sta girando anche su Twitter “i combattenti dello Stato Islamico” precisano che l’aereo “trasportava 220 crociati russi. Sono rimasti tutti uccisi, grazie a Dio”. Il comunicato è leggibile anche sul sito web Aamaq che reca tutte le notizie ufficiose del ‘califfato’. Anche la Russia però smentisce.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !