Marò italiani: domani 10 agosto ad Amburgo il processo
I Marò

Domani ad Amburgo si apre un altro capitolo della storia dei due marò italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Italia ed India si presenteranno dinanzi al “Tribunale Internazionale del diritto del Mare”. E proveranno ognuna a far valere le proprie ragioni. La “querelle” tra i due stati si trascina ormai dal febbraio del 2012.

E’ una partita delicata quella che si apre il 10 agosto davanti al “Tribunale Internazionale del diritto del Mare” di Amburgo. In ballo c’è il futuro di Girone e Latorre, i due marò italiani che sono al centro di questa vicenda che si trascina ormai da oltre 1200 giorni.
Sia l’Italia che l’India hanno due “pool” di legali che si confronteranno davanti ai giudici per far valere le proprie ragioni, in un dibattito che potrebbe essere anche molto spigoloso, ma che dovrebbe consentire di trovare una via “giurisdizionale” di risoluzione del caso.
Sia l’Italia che l’India hanno assunto per questo caso degli esperti di fama mondiale, come il britannico David Bethlehem che illustrerà per l’Italia la linea difensiva dei due fucilieri di marina, ed il francese Alain Pellet, che insieme all’altro inglese, Rodman Bundy, sosterranno le tesi indiane.
L’organo giudicante, del quale fanno parte Francesco Francioni per l’Italia e P. Chandrasekhara per l’India, sarà presieduto da un russo, Vladimir Golitsyn.
Il tribunale ha già messo in programma una serie di udienze fino al 24 agosto, e nell’udienza di apertura di domani spetterà per prima all’Italia presentare la sua istanza e poi all’India di rispondere con le proprie argomentazioni.
Le istanze italiane punteranno in primo luogo a riportare i due marò in Italia, nell’attesa del completamento dell’arbitrato, ed in secondo luogo a sospendere i procedimenti di giudizio che sono attualmente in corso in India.
Il governo indiano, si oppone invece alla giurisdizione di questo tribunale e sostiene la validità di quanto portato avanti sino a questo momento.
In questo momento la situazione dei due marò vede Massimiliano Latorre ancora in Italia per le cure relative all’ictus dal quale era stato colpito nel mese di agosto di un anno fa, mentre Salvatore Girone si trova ancora a Nuova Delhi.

Le autorità militari e governative italiane si attendono dalla decisione del Tribunale di Amburgo un sostanziale passo in avanti verso la conclusione del caso.

ultima modifica: 2015-08-09T13:57:15+00:00