I colori più indicati per l'arredamento in cucina

Le cucine si caratterizzano per un’estrema varietà di finiture, che devono essere in grado di coniugare design e funzionalità. Il discorso vale sia per l’arredamento classico che per quello moderno. Ecco i colori che possono essere considerati più gettonati da chi deve acquistare e rifinire la propria cucina di casa.

Partiamo dalle cucine classiche. In questa casa, si preferisce utilizzare un arredamento maggiormente sobrio ed elegante, con una minore aggressività. Il legno più adoperato è il noce in tutte le sue forme, mentre anche il frassino riscuote un ottimo successo e le finiture decapè sono molto apprezzate in ogni colore.

Una parte delle cucine classiche è realizzata con i legni di pino e di abete, con tonalità di qualsiasi genere. Tuttavia, oggi tale soluzione viene adottata soltanto in ambienti particolari, come ad esempio in campagna o in montagna. L’obiettivo è quello di inquadrarsi al meglio nell’ambiente circostante.

La varietà è ampia anche per quanto riguarda le cucine moderne. Le essenze più diffuse corrispondono al rovere moro e grigio oltre al ciliegio naturale, preferito rispetto a quello scuro. Molto graditi sono anche i legni crudi o sbiancati, che si contraddistinguono per un elevato grado di eleganza e risultano perfetti per l’arredamento domestico. Negli ultimi tempi, è tornato di moda il caro e vecchio teak, uno dei legni più pregiati in assoluto.

Proseguendo con la modernità, trovano un ruolo importante le porzioni colorate, con varianti di colore riposanti come crema, panna, beige, tortora, corda. Il rovere sbiancato non sta vivendo il periodo di maggior splendore, mentre si possono utilizzare colori sia laccati che laminati, come rosso, nero, bianco e giallo. Ce n’è davvero per tutti i gusti.

In sintesi, la scelta del colore giusto per l’arredamento in cucina deve dipendere dal luogo nel quale si risiede e dai gusti personali di chi vuole decorare la cucina.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !