Idee giardini: ecco come prendersi cura del proprio orto

Probabilmente anche a causa della crisi economica, il numero delle persone che hanno deciso di trasformare i propri giardini in veri e propri orti sta crescendo esponenzialmente. Patate, insalata e pomodori, dunque, stanno prendendo il posto dei fiori e delle siepi. Ma quali sono le regole necessarie per la manutenzione di un orto casalingo? Ecco delle idee che possono aiutarvi a realizzare tutto ciò.

In primo luogo, è opportuno fare presente che l’orto necessita di moltissima attenzione. A tale proposito, è fondamentale specificare che la manutenzione di un orto si divide in ordinaria ed autunnale. Di seguito, vedremo quali sono i consigli per entrambe le tipologie di manutenzione.

La manutenzione ordinaria di un orto, in linea di massima, è molto semplice. Ovviamente, essa non deve essere affrontata con troppa superficialità al fine di rischiare di compromettere il raccolto e deve essere effettuata almeno un giorno alla settimana.

La prima fase della manutenzione ordinaria è quella di controllo. In tale fase, è necessario fare attenzione al terreno al fine di evitare che diventi troppo arido o troppo umido. Inoltre, è opportuno accertarsi in merito all’eventuale presenza di parassiti o piante infestanti.

La seconda fase riguarda il controllo di eventuali danni provocati da pioggia, vento e grandine. Tali danni, infatti, devono essere prontamente riparati per non compromettere l’intero raccolto.

L’ultima fase riguarda la rivitalizzazione e l’ossigenazione del terreno che deve essere effettuata smuovendo la superficie. Tale operazione deve essere effettuata facendo molta attenzione a non strappare piante e/o radici.

Per quanto riguarda, invece, la manutenzione straordinaria, è necessario tenere a mente che essa deve essere effettuata almeno una volta all’anno nel periodo autunnale in modo tale da preparare il terreno alla semina. Prima di effettuare tale manutenzione, è consigliabile raccogliere tutta la frutta e la verdura presente e, solo in seguito, procedere con l’ossigenazione, la concimazione, la fertilizzazione, l’irrigazione, la semina ed il controllo di tutte le strutture.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !