Novità assicurazioni: arrivano le telecamere al posto del bollino sul parabrezza

Gli oltre 40 milioni di assicurati RC Auto dovranno fare attenzione alla novità in arrivo nel mondo delle assicurazioni. Infatti sono molte le compagnie assicurative che stanno lavorando per favorire la dematerializzazione, ovvero l’eliminazione dei documenti cartacei. Questo al fine di evitare qualsiasi tipo di truffa effettuabile mediante i documenti di carta di cui attualmente qualsiasi assicurato RC Auto dispone.

La prima e anche più importante novità riguarda l’attestato di rischio. Addio definitivo a questo documento in versione cartacea: dal primo luglio 2015 infatti non verrà più ricevuto da parte degli utenti il foglio su cui indicare eventuali incidenti e classi di bonus e malus ottenuti nel corso dei cinque anni precedenti.

Un cambiamento importante quello che è stato messo in essere per le assicurazioni e che apre un’era in cui verranno utilizzati al meglio i siti web delle compagnie assicurative.
Infatti l’attestato di rischio sarà disponibile online sul sito ufficiale della compagnia assicurativa. Non mancherà ovviamente l’assistenza da parte delle agenzie nei confronti dei clienti al fine di evitare qualsiasi problema.

Inoltre, sembra che numerose compagnie siano pronte a sfruttare le potenzialità di comunicazione di network come Whatsapp e Facebook. Tramite questi sarà possibile comunicare con l’agenzia e richiedere le credenziali d’accesso alla propria area utente del sito.

Dal 18 ottobre scatterà un’altra importante ed evidente novità. Il contrassegno dell’assicurazione che normalmente viene posto sul parabrezza non verrà più consegnato. Sparirà al contempo anche il tagliando che certifica la sottoscrizione di una polizza assicurativa.

Le agenzie infatti sfrutteranno dei controlli effettuati mediante delle specifiche telecamere di nuova generazione. Queste faranno parte di una banca dati che racchiude le targhe degli autoveicoli presso la Motorizzazione locale.

Saranno le stesse telecamere utilizzate come tutor o nelle zone a traffico limitato a controllare in modo del tutto automatico l’esistenza di una copertura assicurativa sui veicoli. Chiaro l’obbiettivo di puntare alla limitazione dell’evasione dell’obbligo di assicurazione, una trasgressione che interessa ancora troppe persone.

CONDIVIDI

Facci sapere cosa ne pensi !