Assicurazione casa danni causati da terremoto e calamità naturali

Sono ormai sempre più frequenti, nel nostro paese, richieste per assicurazioni casa che coprano i danni in caso di terremoti e calamità naturali,  situazioni di emergenza che causano devastanti perdite. Nasce quindi maggiore interesse sulla questione dell’assicurazione sulla casa.

Per far fronte alle emergenze dovute ai cataclismi sono nate delle assicurazioni specifiche e non obbligatorie; esse permettono di avere un risarcimento dei danni che l’immobile ha riportato e riducono le spese per mettere a nuovo la propria casa. Come già detto, la stipulazione della polizza è volontaria e permette un risarcimento in caso di disastri naturali per mezzo del versamento di una quota annuale da parte dell’interessato.

La quota varia in base alle condizioni del contratto. L’assicurazione contro i terremoti e le calamità naturali è catalogata come polizza a valore e, in linea generale, offre il rimborso della casa, la sistemazione a nuovo, oppure l’acquisto di un nuovo immobile. Come vengono calcolati i rimborsi da versare? Essi vengono stabiliti, oltre che per le condizioni della compagnia assicuratrice, in base al primo rischio assoluto e in base alle caratteristiche principali della casa in questione e del territorio in cui è collocata.

In particolare, queste caratteristiche sono l’area di collocazione dell’immobile, i metri quadri dell’immobile, la sua tipologia e il suo valore catastale, ovvero il suo valore fiscale. Sempre in fase contrattuale, vengono stabiliti i danni che la compagnia assicurativa ricopre con l’assicurazione in caso di terremoto e calamità naturali e i parametri in base ai quali viene calcolato il rimborso.

Questa tipologia di assicurazione per la casa è consigliata soprattutto alle persone che sono stabilite in un territorio ad alto rischio sismico: in caso di avvenimento dei fenomeni in questione, si avrà una totale copertura sulla propria casa. Nonostante l’assicurazione della casa in vista di possibili cataclismi non sia obbligatoria poiché questo tipo di eventi non sono riscontrabili in tutto il territorio italiano, si sta prendendo in considerazione l’idea di renderla obbligatoria in modo da tutelare al meglio queste situazioni.